logo

ASSOCIAZIONI

Alla luce del Giorno

Alla luce del Giorno

Di DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 04-03-2015


Padova, Veneto, Italia



Fra Stefano Luca OFMCap

(Operatore di Teatro Sociale, Educatore, Attore, Regista, Clown)

Nasce a Sondrio (SO) nel 1985.

Nel 2002 studia e lavora in teatro con Mirton Vajani Bramucci e Gianni La Manna.

Nell’anno 2007 si diploma alla prestigiosa “Accademia dei filodrammatici di Milano”.

Approfondisce inoltre la sua formazione studiando e lavorando con: Mario Pirovano, Raffaella Giordano,

Nikolaj Karpov, Ambra D’amico, Elisabeth Boeke, Karina Arutyunyan, Nadia Lotti, Mira Andriolo, Angelo Pugolotti, Renato Gatto e Sandro Bajini. Con Peter Clough approfondisce lo studio del teatro Elisabettiano e di William Shakespeare.

Lavora come attore e regista fino al 2009.

Dal 2005 insegna teatro in diverse scuole elementari e medie. Lavora con adolescenti e giovani nell’ambito del disagio e del bullismo, inizia così ad orientare verso un ambito più “sociale” la sua attività teatrale.

Da allora ospedali, prigioni, prigioni minorili, comunità per minori a rischio, comunità per tossicodipendenti e comorbilità psichiatrica, bambini di strada, dinamiche di transcultura e cultural mosaic, percorsi di team building… Sono le realtà dove fra Stefano compie interventi di teatro sociale in diversi paesi come: Italia, Albania, Camerun e Libia.

Dal 2011 si specializza nel teatro-carcere internazionale lavorando nelle carceri dell’Africa Nera alternando brevi e lunghi periodi laboratoriali.

E' professo perpetuo nell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini dal 2012. Studia teologia presso lo Studio Teologico Cappuccini di Venezia "LAURENTIANUM" affiliato alla facoltà teologica Pontificia Università "Antonianum" di Roma.

Oggi.

Mette a servizio la sua esperienza di operatore di teatro sociale in vari ambiti delle Missioni dei Frati Minori Cappuccini. Fa parte del “Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere” (CNTiC). Collabora con diverse realtà di teatro-carcere conducendo incontri e laboratori nell’intero territorio nazionale. Collabora con il “Centro Europeo Teatro e Carcere” (CETEC) di Milano. Collabora stabilmente con l’“associazione Kayros” di Milano nel campo del disagio giovanile. Conduce diversi seminari residenziali per compagnie clown, dove applica un particolare metodo di “ClownCare Francescano” da lui stesso elaborato.

Coordina e gestisce laboratori di teatro sociale per diverse comunità terapeutiche, ONG, associazioni e organismi socio-educativi.


Laboratori e Attività
2014
Italy – Padova – Carcere Due Palazzi – maschile
“Respiro teatrale nel non-luogo recluso”
Laboratorio intensivo
Italy – Milano – Carcere San Vittore – sezione femminile
“Danza della Parola Evangelica di Alda Merini”
Laboratorio intensivo
Libya – Tripoli – MultikanaCenter & Apostolic Vicariate of Tripoli franciscan friary
Team Building \ traumi di guerra e di tratta di esseri umani
Italy – Venezia – cooperativa Giuseppe Olivotti, comunità terapeutica di Mira “Tikva’”
Spettacolo in autodrammaturgia sui legami positivi e negativi della vita

2013
Cameroun - Bamenda central prison – Juveniles section
“The Unbeatable: DonKisciotte”
Spettacolo sugli invincibili e sul pregiudizio
Cameroun - Bamenda central prison – adults section
“Francesco”
Spettacolo sulla figura di San Francesco
2012-2013
Italy - Milano – comunità minorile Kayros
“Non Esistono Ragazzi Cattivi”
Spettacolo/incontro/testimonianza in autodrammaturgia di ragazzi minori: pre-, in-, e post- Carcere

2012
Cameroun - Bamenda central prison – adults section
“The forgiveness”
Spettacolo sulla dinamica del perdono (di sé e degli altri) come passo di riabilitazione
Cameroun - Bamenda central prison – Juveniles section
“PinokkhIo BLACK SHEEP”
Spettacolo sulla rinascita possibile

2011
Cameroun – scuola superiore secondaria Mbhotong, Shisong
“The Julius Caesar: Autopsy of the politician” by W. Shakespeare
Spettacolo su corruzione e politica
Italy – Milano – Carcere Minorile C. Beccaria
“fra rispetto”
Laboratorio intensivo

2010
Albania
“Nessun uomo è un’isola”
Spettacolo in autodrammaturgia sull’io nella comunità

2007
Albania
“Ci metto la faccia”
Spettacolo in autodrammaturgia sulla storia di un cambiamento possibile

2006
Albania
“Il circo della vita spezzata”
Spettacolo in autodrammaturgia sulla violenza in famiglia, la vendetta di sangue e la discriminazione delle donne

LEGGI ANCHE