Scena dal film A Prophet
Scena dal film A Prophet

CONSULTA ANCHE LE SEZIONI

Scritti in prigione

Romanze senza parole - Paul Verlaine, 1874 Romanze senza parole

Paul Verlaine
1874

PROGETTI DENTRO/FUORI

PRISON MOVIE

Путевка В Жизнь - (Il

Путевка В Жизнь - (Il cammino verso la vita), (The Road to Life)

Regia di Nikolaj Vladimirovič Ekk

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 30-11--0001


Russia Sovietica,

1931

Il cammino verso la vita (Путевка В Жизнь) Putëvka v ×izn′, (The Road to Life) è un film sovietico di propaganda e dalla finalità fortemente sociale. Il regista, Nikolaj V. Ekk fu un seguace dei metodi educativi del pedagogo ucraino A.S. Makarenko che proponeva una educazione ed un recupero dei giovani non coercitivo ma fondato sulla responsabilizzazione e sulla fiducia. In  particolare nel caso del film, il recupero di besprizornye (ragazzi di strada), abbandonati e soli, sfruttati da malavitosi che operavano nelle città, ha alla base la libertà, la condivisione e il lavoro. I ragazzi vengono riuniti in una comunità lontana dalla città, seguiti da un maestro autorevole e giusto che li porta ad impegnarsi in una attività utile alla società.

Путевка В Жизнь - (Il cammino verso la vita), (The - Regia di Nikolaj Vladimirovič Ekk, 1931

Il film è del 1931 ma è ambientato nel 1923 nella Russia Sovietica alla fine della guerra civile quando nelle strade si aggiravano molti gruppi di orfani e ragazzi sbandati. Racconta le storie parallele di due ragazzi, uno Mustafà, di origini mongole, capetto di una banda di strada dedita ai furti e autore di piccole violenze. L'altro, un ragazzo fortunato, con una famiglia serena e agiata alle spalle.

Il cammino verso la vita (Путевка В Жизнь) Putëvka v ×izn′, (The Road to Life) - Mustafà 

Il dramma si consuma quando Mustafà nel tentativo di rubare del cibo sulla strada, spinge la madre del giovane a terra. La donna si ferisce molto gravemente e muore.

Mustafà intanto viene arrestato con la sua banda di ragazzini una notte e tutti vengono affidati all'ispettore Sergeev che decide di condurli in una località in campagna, dove si trova un ex convento.

Lentamente l'uomo conquista la fiducia dei ragazzi e li avvia ai lavori manuali: stivali, stoviglie e arredi domestici. Per i ragazzi si apre una nuova speranza sottolineata anche da alcune scene come quella nella quale sono tutti nella sauna cantando felici e finalmente puliti.

Il cammino verso la vita (Путевка В Жизнь) (The Road to Life)

Intanto il ragazzo rimasto orfano di madre è costretto a vivere con un padre che ormai si è dato all'alcol ed è diventato violento. Una sera, sfugge ai pugni del padre e fugge. Il giovane si ritrova a vivere sulla strada, manipolato dai soliti malavitosi e al primo tentativo di rubare un paio di stivali (forse proprio quelli realizzati dai ragazzi della comunità), viene arrestato e condotto al monastero.

Non mancano problemi. Uno di loro si ribella e dopo aver ucciso a colpi di pietra il cane della comunità, scatena una rivolta seguito da alcuni dei ragazzi. Sono Mustafà ed il nuovo giunto che riescono a bloccare i rivoltosi e a ristabilire l'ordine. Al suo arrivo, l'educatore non punirà nessuno. L'uomo consegna ai ragazzi un treno elettrico e tutti costruiscono una piccola ferrovia.

E' l'inizio del progetto di recupero: i ragazzi costruiranno una ferrovia che offrirà loro il vero riscatto esistenziale.

Durante i lavori alcuni ragazzi, condotti da quello che aveva scatenato la rivolta, scoprono un postribolo e tornano una mattina ubriachi. Gli altri temendo che il posto possa portare fuori strada decidono di organizzare una festa durante la quale sabotare il locale e allontanare le ragazze con il loro sfruttatore. Il piano riesce ma l'uomo si vendica attendendo Mustafà durante l'ispezione inaugurale della ferrovia.

Mustafà precede il treno con un carro sulle rotaie. Il protettore intanto ha sabotato una rotaia e Mustafà viene scaraventato a terra e accoltellato dall'uomo.

Al mattino i ragazzi festosi, sul treno in corsa, trovano il corpo del loro compagno e lo trasportano con tutti gli onori fino alla cittadina dove lo accolgono in lacrime l'educatore e tutti gli abitanti.

Con il titolo di "Passaporto per la vita" la pellicola fu uno dei 3 film sovietici ammessi alla 1ª Mostra del cinema di Venezia 1932. Premiato nel referendum tra il pubblico per la regia "più convincente".

Il cammino verso la vita (Путевка В Жизнь) (The Road to Life)

Cast

Nikolai Batalov...L'educatore
Michail Zarov
Ivan Kryljan ...Mustafà
Michail Dzagofanov

LEGGI ANCHE