logo

CINEMA E PRIGIONE

film_ragazzi_fuori.jpg

Ragazzi Fuori

Regia di Marco Risi

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 11-01-2018


Italia

1990

Ragazzi fuori è un film italiano del 1990 scritto da Aurelio Grimaldi e da Marco Risi. La pellicola è il sequel di "Mary per sempre" diretto da Marco Risi nel 1989.

I protagonisti de Ragazzi Fuori sono gli stessi del film precedente ma l'ambientazione è diversa. Al posto dell'Istituto di pena minorile a fare da sfondo alla narrazione vi è la città di Palermo.

Alcune scene sono state girate all'interno dell'Istituto di pena minorile Filangeri di Napoli dove, nella narrazione precedente, era stato trasferito uno dei ragazzi, Claudio Catalano, in seguito alla vicenda del tentato stupro da parte di Carmelo, un altro ospite del Malaspina.

Il film racconta e denuncia la difficile situazione di post detenzione dei ragazzi rilasciati dall'Istituto di pena minorile Malaspina. Inesorabilmente il tessuto malavitoso della città li riassorbe e ogni protagonista si troverà ad assumere comportamenti malavitosi.

Natale si avvia alla vita da strada e anche Mary, il giovane transessuale,  non può che ricominciare a vendersi. 

King Kong dopo aver intrapreso nuovamente a compiere furti, durante uno spettacolare inseguimento nel mercato di Palermo, viene drammaticamente ucciso da un poliziotto in borghese al quale parte un colpo accidentalmente dalla pistola puntata alla nuca del ragazzo. Questo fatto rimanda ad una vicenda realmente accaduta ad un ragazzo Stefano Consiglio, morto proprio nello stesso modo.Carmelo affianca padre e fratelli nel traffico di droga. Claudio esce dal minorile di Filangeri accolto dalla ragazza che sposerà e dalla quale avrà una figlia. Il ragazzo è l'unico tra i protagonisti che riesce a staccarsi dall'ambiente malavitoso e a intraprendere un lavoro onesto avviando una carrozzeria. Ma Palermo è una città dura che non lascia scampo e quando Carmelo incontra casualmente Claudio si scatena nel ragazzo il desiderio di vendetta. Carmelo, detenuto nell'Istituto di pena minorile di Malaspina, aveva tentato di avvicinare per fini sessuali Claudio, neo giunto. In risposta il ragazzo lo aveva colpito alla testa procurandogli una grave ferita.

Carmelo riuscirà a compiere la sua vendetta attendendo Claudio alla chiusura della carrozzeria, pestandolo pesantemente. Nel finale la polizia trova un corpo semi carbonizzato e ancora fumante sopra un cumulo di rifiuti, nella discarica di Bellolampo. Il film lascia nel dubbio che il corpo possa essere quello di Claudio. Il finale non lascia comunque alcuna speranza nella possibilità di sottrarsi alla realtà malavitosa che sembra essere l'unica per quei ragazzi nati in un ambiente socioculturale svantaggiato come quello dal quale provengono i ragazzi ex detenuti dell'Istituto di pena minorile Malaspina, protagonisti dei due film.

Cast

Francesco Benigno: Natale Sperandeo
Filippo Genzardi: Matteo Mondello
Alessandra Di Sanzo: Mario "Mery" Libassi
Roberto Mariano: Antonino Patané
Alfredo Li Bassi: Carmelo Vella
Maurizio Prollo: Claudio Catalano
Giuseppe Lucania: Santino
Salvatore Termini: Giovanni Trapani/"King Kong"
Luigi Maria Burruano: Franco D'Annino "il Cliente"
Carlo Berretta: Salvo
Alessandro Calamia: Tommaso
Guia Jelo: Giulia
Giuseppe Pirico: Marcello
Tano Cimarosa: Capomastro
Santo Bellina: Toto' amico di King Kong
Aurora Quattrocchi: la madre di Mery
Enza Attardo: Vita
Tatu La Vecchia: Poliziotto
Antonino Marino: Veronica

LEGGI ANCHE

Un insegnante si trasferisce da Milano a Palermo e nell’attesa di un incarico presso un liceo accetta il posto presso l’Istituto di Pena Minorile di Malaspina. Conquistare la fiducia dei suoi alunni sarà una impresa molto difficile e il professor Terzi viene a contatto con un mondo a lui sconosciuto. Dopo un anno di contrasti e drammatiche vicende tra il professor Terzi e i suoi studenti nascerà un legame fortissimo che porterà l’uomo a rifiutare il tanto atteso trasferimento al liceo.