logo

DOCUMENTARI

Il Caso Tortora - Dov’eravamo Rimasti

Il Caso Tortora - Dov’eravamo Rimasti

Regia di Ricky Tognazzi

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 04-10-2012


2012

Il Caso Tortora - Dov’eravamo Rimasti è una fiction di produzione Rai diretta da Ricky Tognazzi. La sceneggiatura è di Giancarlo De Cataldo, Simona Izzo e Monica Zapelli. Due libri hanno ispirato gli autori: Applausi e Sputi - Le due Vite Di Enzo Tortora di Vittorio Pizzuto, e Fratello Segreto, scritto dalla sorella del protagonista, Anna Tortora. 

La vicenda di Enzo Tortora è diventata emblematica di una giustizia sbagliata. Non è questa la sede consona ad indagare la dinamica, sotterranea, dei fatti che portarono alla carcerazione del presentatore, negli anni '80. Piuttosto è da sottolineare l'impegno di Enzo Tortora, ormai detenuto, nel tentare far sentire la propria voce, di personaggio pubblico, per migliorare la condizione carceraria.

E’ il 17 giugno 1983 quando ENZO TORTORA, all’apice della sua carriera televisiva, viene arrestato e trasferito nel carcere di Regina Coeli dove trascorre sette lunghi mesi di detenzione con l’accusa di essere un “affiliato” alla Nuova Camorra Organizzata. In un lampo Tortora perde tutto: fama, libertà e l’affetto della gente. Provato fisicamente e ferito nell’anima dalle accuse di alcuni pericolosi pentiti, sarà grazie all’affetto della sorella Anna e delle figlie Silvia e Gaia, all’amore della compagna Francesca e all’amicizia dei compagni di cella che Enzo troverà la forza necessaria per lottare conto l’ingiustizia.

(sito Rai)

Spalleggiato dall’avvocato e amico Raffaele Della Valle e successivamente anche dall’avvocato Dall’Ora, Tortora individua nella lotta per migliorare le condizioni di detenzione dei carcerati una motivazione in più per continuare quella battaglia che – come lui stesso amava ripetere – “non è contro la giustizia ma per la giustizia”. Saranno in molti a voltargli le spalle, ma anche tante le voci del panorama intellettuale dell’epoca che si schiereranno in suo favore come i Radicali, che vedono in Tortora un testimone eccezionale per le campagne contro le ingiustizie del sistema giudiziario.

(sito Rai)

LEGGI ANCHE