logo

FOTOGRAFIA

Francesco Cocco -  Prisons - 2002-2006

Prisons

Francesco Cocco

Di Interno4

Pubblicato il: 29-10-2011


2002 - 2006

Prisons è un ciclo di intense fotografie in bianco e nero, realizzate dal fotografo Francesco Cocco dal 2002 al 2006. Ambientate all’interno dei maggiori penitenziari italiani, le immagini sono ritratti di detenuti che hanno posato per rivendicare la loro esistenza. Le immagini sono crude, non mostrano una realtà edulcorata, ma complice forte contrasto, mettono in risalto la personalità delle persone detenute ritratte. I volti ed i corpi sono quelli di persone che hanno registrato sulla loro pelle e nella loro anima, le difficoltà dell’esperienza detentiva.
Gli ambienti che fanno da sfondo ai ritratti sono parte integrante della lettura psicologica del soggetto. Le celle, le zona d’aria, i corridoi diventano spazi umani, nei quali i loro abitatori hanno tracciato i segni dell’esistenza detenuta.

Gli scatti sono momenti profondamente lirici e, come nei casi di vere opere d’arte, cristallizzano nell’istante una vita intera.

Gli Istituti di pena teatro delle riprese fotografiche sono stati quelli di Milano, Modena, Palermo, Bologna, Trani, Roma, Messina, Prato, Torino, Cagliari, Alghero e Pisa. Francesco Cocco da tempo impegnato nel ritrarre le marginalità sociali, si è dedicato a questa operazione per indagare “gli interni di quei contenitori, di quei grandi e asettici edifici che a volte osservavo mentre percorrevo in automobile qualche tangenziale” , (exibart 2007).

Nel marzo 2007 il Comune di Roma promuove, attraverso l’Assessorato alle Politiche Culturali in collaborazione con l’agenzia Contrasto, una mostra intitolata “Prisons” , Sala Santa Rita. Le immagini erano già state esposte a Modena, nella 55a Festa provinciale de l’Unità, nel settembre 2006.

Prisons è anche un testo che raccoglie le immagini, pubblicato in Italia da Logos nel 2006, con testi di Adriano Sofri e Renata Ferri.

Francesco Cocco è nato a (Recanati, 1960) inizia la sua attività di fotografo nel 1989. Fortemente attratto dalla marginalità sociale e dall’universo infantile, inizia fin da subito a spostarsi in paesi ‘difficili’, in particolare del continente asiatico.
In Bangladesh fotografa le condizioni di vita dei bambini di strada e documenta il lavoro minorile. In Vietnam, subito dopo la riapertura delle frontiere, realizza un reportage per la mostra Vietnam Oggi (Modena 1993). In Cambogia, in collaborazione con Emergency, affronta il dramma delle vittime delle mine antiuomo. Nello stesso paese, con il supporto dell’ONG New Humanity, riporta le immagini della prostituzione minorile.
In Brasile fotografa i non vedenti dell’Istituto Benjamin Constant di Rio de Janeiro e lo sfruttamento dei bambini lavoratori sull’isola di Marajoa, in Amazzonia.
Dal sito ufficiale.

Video sulla mostra di Modena del 2006

biografia e mostre di Francesco Cocco

Prison – fotografie di Francesco Cocco

Prison – fotografie di Francesco Cocco su exibart

LEGGI ANCHE