logo

LIBRI

Quando hanno aperto la cella - Valentina Calderone e Luigi Manconi

Quando hanno aperto la cella

Valentina Calderone e Luigi Manconi

Di Interno4

Pubblicato il: 19-10-2011

Il Saggiatore
Italia

2011

Spesso si sente parlare di morti all’interno delle carceri. E alcune volte le morti, i suicidi, non riguardano i detenuti ma il personale di sorveglianza. Questo libro si concentra sulle morti, paradigmatiche, di detenuti che sono stati oggetto di cronaca, Cucchi, Pinelli, Giovanni Lorusso, Marcello Lonzi, Eyasu Habteab, Mija Djordjevic, Francesco Mastrogiovanni e altri già dimenticati.

Parlare delle loro morti o dei loro suicidi potrebbe sembrare un espediente gratuito per muovere l’emotività e indicare un facile colpevole, fuori o dentro le carceri italiane. Luigi Manconi e Valentina Calderone, una giovane ricercatrice, ascoltano e raccolgono molte storie, analizzano fatti e cercano di indagare all’interno delle strutture democratiche per trovare i punti deboli del sistema giustizia, che dovrebbe garantire l’incolumità soprattutto a coloro che si trovano in stato di detenzione.

«Quando hanno aperto la cella», è un libro politico e di cultura contemporanea. Cultura perché è con mezzi di indagine storici e sociologici, che si tenta di riconsiderare il rapporto tra Stato e Cittadino. E sempre con la stessa ottica che si tenta di riportare le morti, ridotte dalla cronaca e dalla burocrazia a ‘casi’, alla dimensione umana, considerando le motivazioni e le cause che hanno determinato i fatti.

La morte del singolo viene raccontata perché sono state situazioni umane a determinarla. Nel testo non vengono indicati colpevoli, ma vengono indicate le strutture pubbliche che non hanno funzionato a dovere, l’ingranaggio che si è inceppato oppure che non è stato utilizzato nel corretto utilizzo.

Ancora una volta la cultura permette di avere gli strumenti per discutere dei fatti e analizzare le cause senza cadere in una semplice partigianeria che porterebbe solo ad acuire gli scontri. Un libro che non risolverà certo il male delle morti nei luoghi della detenzione, ma indica sicuramente un modo intelligente e produttivo per continuare a parlarle all’interno di un dialogo democratico.

Quando hanno aperto la cella. Stefano Cucchi e gli altri
Autori: Manconi Luigi Calderone Valentina
Editore: Il Saggiatore
Data di Pubblicazione: 2011

LEGGI ANCHE