logo

LIBRI

Alice nel paese delle domandine - A cura di Monica Sarsini

Alice nel paese delle domandine

A cura di Monica Sarsini

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 27-06-2012


2011

Monica Sarsini è una scrittrice artista fiorentina. E’ impegnata da tre anni all’interno del carcere di Sollicciano dove cura un corso di scrittura creativa.
Alice nel paese delle domandine è un libro di racconti scritti dalle detenute che hanno seguito il corso di Monica. Le storie trattano del quotidiano e, nonostante le sbarre non mancano di grazia e femminilità.

Il titolo fa riferimento alla modalità con la quale avanzare ogni tipo di richiesta in regime di detenzione.

All’interno di un Istituto di pena anche una semplice necessità passa attraverso l’istituzionalizzazione e la domandina è l’unico strumento per presentare richieste.
Dall’iscrizione a corsi scolastici al vestiario, la domandina è l’unica risorsa disponibile.

"Sono detenuta nel carcere di Sollicciano insieme ad altre 130 donne e 5 fra bambini e bambine dai tre mesi ai tre anni.
Io parlo con tutte queste donne e la loro voce e i loro gesti insicuri o arroganti, dolci o prepotenti, mi fanno immaginare il percorso che hanno fatto per arrivare qui. Donne dall’andatura sicura o indecisa, ricurve su se stesse per difendersi, oppure spavalde, che camminano guardando in terra o dallo sguardo rivolto lontano. Che parlano sempre, che urlano, altre che sono silenziose. Donne dimenticate, donne attese fuori dal cancello, che amano e non sono amate, che sono amate e che non amano. Donne che litigano, che si rispettano, che si vogliono bene. E io sono qui, seduta nel grande giardino al centro del carcere, c’è l’erba di ogni tipo, a foglie larghe o strette e tante margherite, fiori di campo gialli, celesti e piccoli violacei. Alzo lo sguardo e vedo le vecchie e squallide mura alte che mi circondano, ma non importa, all’interno del carcere c’è la vita, con tutte le sue bellissime forme. E ci sono io, felice di avere due bambini bellissimi, triste e colpevole, orgogliosa di essere la donna che una esperienza tragica mi ha fatto diventare."

Monica Sarsini

Monica Sarsini è nata a Firenze, dove vive e lavora sia come scrittrice che come artista visiva. Tiene corsi di scrittura nella sezione femminile del carcere di Sollicciano, presso l’associazione culturale “Il Giardino dei Ciliegi” e in alcuni licei di Firenze. Ha esposto in numerose personali e collettive le sue opere visive, in Italia e all'estero, e ha creato scenografie per spettacoli teatrali d'avanguardia. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo “Libro Luminoso” (1982); “Colorare” (1983); “Crepacuore” (1985); “Crepapelle” (1988); “Riassunto” (1990); “I passi della sirena” (1992); “Il mezzo di contrasto” (1996); “Crepapancia” (1996); “Feritoie in 25 Autori e la Follia” (1998); “Colline in Prefigurazioni” (1999); “Crepitudine” (1999); “Eruptions” (1998); “Territorio Familiare” (2001); “miransi” (2006). Per la casa editrice Le Lettere ha appena curato l’antologia “Alice nel paese delle domandine. Racconti delle detenute di Sollicciano”.

LEGGI ANCHE