logo

LIBRI

Lo sviluppo del bambino in carcere - Gianni Biondi, 1995

Lo sviluppo del bambino in carcere

Gianni Biondi

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 25-04-2014

Franco Angeli
Italia

1995

Gianni Biondi, direttore del Servizio psico-sociale dell'Ospedale pediatrico "Bambin Gesù" di Roma al tempo della stesura del libro, ha raccolto nel libro "Lo sviluppo del bambino in carcere" i risultati che ha condotto con un gruppo di madri detenute conviventi con il proprio figlio in carcere, studiando lo sviluppo del bambino, confrontando i dati quelli di un gruppo di controllo di madri detenute con il figlio affidato a terzi.

Nelle carceri italiane i bambini sotto i tre anni accompagnano la madre durante la sua detenzione. Il testo, del 1995 affronta un argomento che in quegli anni non era molto conosciuto dall'opinione pubblica, come del resto molti aspetti della detenzione. La realtà dei bambini dietro le sbarre, detenuti per necessità è una realtà che, seppure limitata come numero, è da considerarsi prioritaria in un paese attento alla condizione dei propri cittadini.

La crescita, o la permanenza limitata in un ambiente come il carcere, mettono il bambino a rischio di malattie, incidenti creati da conflitti personali. Lo sviluppo psico-affettivo e relazionale ne vengono anche fortemente compromessi.

Esistono, ad oggi, alcune associazioni che si occupano di creare, anche fisicamente, ambienti idonei per i bambini che devono rimanere in cella con la madre e altre organizzazioni che ampliano il loro intervento ai figli piccoli e adolescenti che si recano in visita di un genitore detenuto.


 

Scheda del testo

«Questo lavoro studia la situazione dei bambini in carcere insieme alla madre, argomento che in Italia a differenza di altri paesi europei ha fino ad ora suscitato un'attenzione molto scarsa nonostante la sua evidente rilevanza sociale.

Il primo merito di questo lavoro consiste dunque nell'avere tolto dall'oblio il problema dei bambini in carcere, mettendo in evidenza che la detenzione del minore insieme alla madre pone di per sé il minorte in una situazione oggettiva di rischio. Perche se è vero che non sono emersi elementi quantitativamente significativi riguardo alla crescita fisiologica, sono invece rpeoccupanti e significativi quelli relativi allo sviluppo psico-affettivo e relazionale.

Ma a ben vedere il disinteresse per i bambini in carcre è conseguente ad un disinteresse più vasto, che riguarda in generale la condizione dei figli detenuti. Ed è quindi merito non secondario della ricerca quello di avere individuato l'ampiezza del fenomeno, che è assai più consistente di quanto si supponeva e che non permette ulteriori dimenticanze, poiché ogni figlio di detenuto è in situazione a rischio» (dalla Prefazione di Luigi Fadiga).

Gianni Biondi è direttore del Servizio psico-sociale dell'Ospedale pediatrico "Bambin Gesù" di Roma. In particolare è impegnato alla realizzazione di progetti tesi a migliorare la qualità dell'asssistenza e la qualità di vita per i bambini affetti da maalttie croniche. Ha svolto diverse ricerche sulla condizione dei detenuti tossicomani e delle detenute madri.

INDICE
Premessa di Adriano Ossicini

Prefazione di Luigi Fatiga

Introduzione
Scheda riassuntiva della ricerca
"Lo sviluppo del bambino in carcere"

Entità del fenomeno in Italia. Cenni sulle norme vigenti.
Premessa
Detenuti con figli minori in Italia
Gli Istituti Penitenziari femminili
La maternità in carcere
La madre detenuta
Lo spazio sociale
Essere madri in carcere
La situazione giuridica
Le madri detenuta tossicodipendenti
La vita in carcere

La figura paterna
La figura patema
Brevi note sulla deprivazione paterna e commento su alcuni del dati ricavati dalla ricerca

Lo sviluppo del bambino che vive con la madre detenuta
La sua crescita fisiologica
L'anamnesi familiare
Andamento della gravidanza
I bambini osservati
Anamnesi fisiologica
Anamnesi patologica remota
Esame obiettivo
Problemi attivi
Lo sviluppo del bambino in carcere
Concetto di sviluppo
Sviluppo ed ambiente carcerario
Affettività
Attaccamento
Separazione
Rapporto con la famiglia di origine
Alimentazione
Ritmo sonno/veglia
Linguaggio
Sviluppo intellettivo
Attività ludica
Socializzazione
La vita in carcere

Asilo Nido
Post detenzione e Agenzie sociali
Schede riassuntive di 7 bambini del gruppo campione controllati a distanza durante la detenzione

Il tribunale per i minorenni. Il suo campo d'intervento di Giuseppe Daga
L'impatto simbolico ed i vissuti delle detenute madri
Il bene minacciato
I limiti del sistema
La situazione dell'affidamento per stato di abbandono
Osservazioni
Schede esplicative

Conclusioni

Bibliografia

Titolo: Lo sviluppo del bambino in carcere
Autore: Gianni Biondi
Editore: Franco Angeli
Collana: Psicologia - Testi di ricerca
Data di Pubblicazione: Giugno 1995
ISBN: 8820484072
ISBN-13: 9788820484071
Pagine: 256

LEGGI ANCHE

"MAGIKAMBUSA - Spazio ludico strutturato, di accoglienza per minorenni in visita ai congiunti detenuti" è il progetto vincitore del finanziamento della Regione Puglia Principi Attivi 2012 per la Casa Circondariale di Trani.