logo

LIBRI

C'è tempo per punire. Percorsi di probation minorile - Chiara Scivoletto, 1999

C'è tempo per punire. Percorsi di probation minorile

Chiara Scivoletto

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 21-03-2014

Franco Angeli
Italia

1999

La sospensione del processo con messa alla prova che è stata introdotta dal 1989 nel sistema penale minorile è l'argomento principale della prima parte del libro C'è tempo per punire. Percorsi di probation minorile di Chiara Scivoletto. Nel campo della giustizia minorile gli operatori ed esperti sono molto sensibili a strumenti formativi e istituzionali che spostino l'intervento sul minore, che è incorso in problemi giudiziari, su azioni educative piuttosto che punitive.

Gli Istituti di Pena Minorili in Italia sono particolarmente attenti a questo tipo di intervento e le agenzie che operano al loro interno attivano una serie di progetti che offrono al minore possibilità di frequentare corsi di formazione, laboratori creativi ed esperienze lavorative.


Da FRANCO ANGELI EDIZIONI

Presentazione del volume 

Il volume analizza l'istituto della "sospensione del processo con messa alla prova", specifica forma di probation introdotta dal 1989 nel sistema penale minorile. La ricerca prende avvio dall'ipotesi che lo strumento sia idoneo a fondare una relazione significativa tra l'intervento punitivo e quello educativo. L'"educazione nelle forme della giurisdizione" (Meucci) pare ancora un valido parametro su cui misurare gli interventi che tendono alla educazione del ragazzo autore di reato e che debbono validarsi in una continua opera di adeguamento ai contesti socio-ambientali di provenienza. Nel confronto tra utenza fruitrice ed opportunità socializzanti, la ricerca focalizza il ruolo del servizio sociale nella vicenda penale minorile.

Nell'ultima parte il volume riporta i risultati dell'indagine svolta presso il Tribunale per i minorenni di Bologna, relativi alla applicazione dell'istituto in Emilia-Romagna. Una novità del testo riguarda l'indagine in follow up compiuta sul medesimo campione, che consente una verifica dell'efficacia della "messa alla prova" ed una riflessione sulle sue concrete finalità.

Chiara Scivoletto , laureata in Giurisprudenza e dottore di ricerca in Criminologia, diritto e procedura penale, è cultore di Antropologia criminale presso l'Università di Parma. Vice procuratore onorario alla Procura della Repubblica presso la Pretura di Parma, membro del CURSF - Centro universitario ricerche e studi sulle famiglie - della Facoltà di sociologia dell'Università di Urbino, svolge attività seminariali presso il Diploma universitario in servizio sociale dell'Università di Parma

Indice

Parte I. Giustizia penale e minori

La giustizia penale minorile: verso la responsabilizzazione e la riconciliazione

(Politiche penali per i minorenni, oggi; Un nuovo modello: la restorative justice ; La mediazione penale nella giustizia minorile italiana)

Un "nuovo" rito penale

(Un processo nel segno della personalità; Rito minorile e aspettative di politica penale; Le rinnovate responsabilità dei servizi sociali)

Parte II. La "probation"

La "probation": dalle origini anglosassoni alla sua configurazione minorile in Italia

(Brevi lineamenti di storia della probation : l'evoluzione dell'istituto tra teoria e prassi; Natura giuridica della probation : dalla retribuzione all'utilitarismo; Esperienze estere di probation : modelli a confronto; Il modello minorile statunitense)

La "messa alla prova": fra "punire" ed "educare"

(L'introduzione della "messa alla prova": da una esigenza sentita; Le valenze del nuovo istituto; Limiti e pregi della norma; La "messa alla prova" come topos della mediazione penale)

La "messa alla prova" nella dottrina e nella giurisprudenza

(I presupposti applicativi: una voluta indeterminatezza; La natura giuridica; La fase processuale; Gli organi e i soggetti; Il progetto; La prova; La Corte Costituzionale e la riaffermazione del principio rieducativo della pena; L'interpretazione giurisprudenziale, di legittimità e di merito)

Parte III. L'esperienza della "messa alla prova"

La "messa alla prova" in Italia (1990-1995)

(La distribuzione territoriale; Gli aspetti giuridici e processuali; Gli aspetti personologici e ambientali)

La "messa alla prova" in Emilia-Romagna (1990-1996)

Sezione I. Le cifre

(Il minore; Il fatto-reato; La prova e gli esiti; Il futuro, in follow up ; Tabelle)

Sezione II. I progetti

(La selezione; Gli autori; Gli esiti; La durata; Le componenti; I fallimenti)

Sezione III. La qualità

(Le interviste agli assistenti sociali; Le interviste ai magistrati)

Sezione IV. Un tentativo di sintesi.

Titolo: C'è tempo per punire. Percorsi di probation minorile
Autore: Chiara Scivoletto
Editore: Franco Angeli
Collana: Pianificazione e servizi sociali
Data di Pubblicazione: Febbraio 1999
ISBN: 8846411420
ISBN-13: 9788846411426
Pagine: 208

http://www.francoangeli.it/ricerca/Scheda_libro.aspx?id=7413

LEGGI ANCHE

Il fotografo Alessandro Zanini, nel libro fotografico "Alla luce delle prove - Il teatro nel carcere minorile di Bologna", ha ritratto le prove e la costruzione, di tutte le fasi dello spettacolo, in modo solo apparentemente documentaristico. In realtà gli scatti di Zanini sono delle vere e proprie interpretazioni estetiche della messa in scena.


Claudio Burgio racconta nel suo libro "Non esistono cattivi ragazzi" la sua esperienza con i ragazzi difficili dell'Istituto di Pena Minorile Beccaria di Milano e presso la sua comunità per minori.