logo

MUSEI

Abashiri Prison Museum (Museo della Prigione di Abashiri)

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 30-04-2014


Abashiri, Giappone

1800 - 1900

Abashiri Prison e l'isola di Abashiri 

Questa storia iniziò circa 115 anni fa. L'epoca Edo era appena conclusa e l'era Meiji stava iniziando. In quel periodo, gli uomini portavano i capelli corti e pochi di loro erano in possesso di una spada. Questa storia è iniziata in questo villaggio di pescatori desolato ai margini dell'isola del Giappone 20 anni dopo la Restaurazione Meiji. In inverno, l'oceano vicino al villaggio è congelato. Per i primi pescatori la vita era molto dura. Dopo dieci anni il numero di persone che abitano il villaggio nel villaggio in inverno finalmente cominciò ad aumentare. Abashiri era tutto li.

Un giorno, un funzionario del governo con una bella barba venne nel villaggio di Abashiri. Il funzionario camminò intorno al villaggio e poi salì su di una montagna. trovò il posto che stava cercando. A nord vi era il Mare di Okhotsk, e il lago di Abashiri era sul sud. Il Lago Notori sulla Westland pareva un grande fiume alla deriva, ai piedi della montagna.

"Oh, fantastico. E' questo il luogo che stavo cercando! E 'difficile fuggire da qui. Ed è facile per noi mantenere tutto sotto controllo..."

Un mese dopo, cinquanta uomini dall'aspetto duro vennero portati al villaggio con mani le gambe bloccate da catene di ferro. Gli uomini, sorvegliati dalle guardie, abbatterono grandi alberi nella foresta vicino al fiume. Poi costruirono una capanna per se stessi usando gli alberi tagliati. Il mese seguente, giunsero altri uomini, più di cinquanta, anche loro con catene a mani e gambe.

bashiri Prison Museum (Museo della Prigione di Abashiri)

La gente del villaggio coprì allora che gli uomini che avevano costruito una grande prigione erano diventati 1000 prigionieri. All'ingresso della prigine fu scritto "Prigione di Kushiro." L' Ufficio Affari Esteri di Abashiri, fu costituito dal personale del carcere che erano incaricati di sorvegliare i 1.000 prigionieri. Gli operatori della prigione portarono con se le proprie famiglie e gli abitanti del villaggio si moltiplicarono in poco tempo. Arrivarono sempre più commercianti e molte attività che vennero insediate intorno a questa zona. Il villaggio di Abashiri diventò il luogo più popolato della zona.

Abashiri Prison Museum (Museo della Prigione di Abashiri)

La storia di "Abashiri e Abashiri Prison" iniziò in quel momento. La città di Abashiri e la prigione furono, a volte, unite nella sfida nel coltivare la dura terra. Capitò anche che gli abitanti di Abashiri si mettessero contro il carcere perché non piaceva l'idea che Abashiri fosse nota per il carcere costruito sull'isola. Gli abitanti si batterono per far trasferire il carcere in un altro luogo. Non bisogna, però, dimenticare che le strade e le ferrovie che collegano Abashiri ad altre città, l'aeroporto utilizzato da molti cittadini, il porto dove le barche da pesca arrivano con grandi quantità di prodotti del mare dal Okhotsk, e l'ampio terreno agricolo che produce un gran numero di colture in autunno, sono tutti realizzati dai prigionieri di Abashiri. Molti prigionieri sono morti ad Abashiri a causa del duro lavoro. Così Abashiri e Abashiri Prison sono unite in modo indissolubile dalla loro storia comune.

Abashiri Prison Museum (Museo della Prigione di Abashiri)

In questo museo, gli edifici che erano effettivamente in uso in epoca Meiji sono state conservati e visibili al pubblico. L'edificio più antico è stato costruito 109 anni fa. E 'stato costruito 6 anni dopo l'insediamento della prigione. In quell'epoca, il legno da costruzione fu ricavato con il lavoro delle mani, non da macchine. Si può vedere la superficie ruvida delle grandi travi e i pilastri che hanno realizzato i prigionieri.

Abashiri Prison Museum (Museo della Prigione di Abashiri)

http://www.kangoku.jp/

LEGGI ANCHE

Il bagno penale di Saint Laurent du Maroni, nella Guyana francese e l'Isola del Diavolo, al largo delle sue coste, furono uno dei luoghi peggiori di detenzione attivi dal 1852 al 1946. Vi furono detenuti personaggi del mondo della politica e della cultura. Un celebre film "Papillon" racconta la storia di una evasione da quei luoghi. Ora è meta di turismo storico.