logo

MUSICA

Un Blasfemo - Fabrizio De Andrè

Un Blasfemo

Fabrizio De Andrè

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 09-06-2014


Italia,

1971

Fa parte dell'LP Non Al Denaro Non All'amore Nè Al Cielo (1971)

(Dietro Ogni Blasfemo C'è Un Giardino Incantato)

Mai più mi chinai e nemmeno su un fiore,
più non arrossii nel rubare l'amore
dal momento che Inverno mi convinse che Dio
non sarebbe arrossito rubandomi il mio.

Mi arrestarono un giorno per le donne ed il vino,
non avevano leggi per punire un blasfemo,
non mi uccise la morte, ma due guardie bigotte,
mi cercarono l'anima a forza di botte.

Perché dissi che Dio imbrogliò il primo uomo,
lo costrinse a viaggiare una vita da scemo,
nel giardino incantato lo costrinse a sognare,
a ignorare che al mondo c'e' il bene e c'è il male.

Quando vide che l'uomo allungava le dita
a rubargli il mistero di una mela proibita
per paura che ormai non avesse padroni
lo fermò con la morte, inventò le stagioni.

... mi cercarono l'anima a forza di botte...

E se furon due guardie a fermarmi la vita,
è proprio qui sulla terra la mela proibita,
e non Dio, ma qualcuno che per noi l'ha inventato,
ci costringe a sognare in un giardino incantato,
ci costringe a sognare in un giardino incantato
ci costringe a sognare in un giardino incantato.

LEGGI ANCHE

Nella mia ora di libertà, brano scritto da Fabrizio De Andrè nel 1973, fa parte dell'LP Storia di un impiegato. Le canzoni raccontano la storia di un impiegato che partecipa alla lotta armata del 1968 e finisce in carcere.


Ne "La ballata del Michè" Fabrizio De Andrè racconta di un detenuto morto suicida nella sua cella. Stato e Chiesa lo abbandonano al suo destino, non considerando la sua condizione di estrema sofferenza emotiva e impedendone una sepoltura consacrata.


Don Raffaè è una canzone di Fabrizio De Andrè con la quale il cantautore genovese denuncia la situazione critica delle carceri italiane degli anni '80. Il protagonista è chiaramente ispirato alla figura del boss Raffaele Cutolo.