logo

PROGETTI

Carcel de san Antonio Venezuela

Locale notturno in una prigione venezuelana

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 29-03-2013

Carcel de san Antonio
Venezuela,

2013 | 29 marzo

Un progetto fuori dal comune, almeno per gli standard delle amministrazioni penitenziarie occidentali, riguarda una prigione venezuelana Nella quale i detenuti hanno aperto un locale notturno con musica e spogliarelli. L'inaugurazione è stata nei canoni di ogni nuova attività e vi hanno preso parte parenti e amici dei carcerati. L'evento è stato pubblicizzato anche sui social network. Nessun ufficialità, ovviamente, ma, alcune fonti on line hanno riportato che, ufficiosamente le autorità hanno ammesso che la serata è proseguita per tutt la notte del 29 marzo. Il “The New York Times” commenta che nella prigione non si tratta di una novità e l'apertura del locale rappresent la naturale conseguenza di uno stato di estrema corruzione nella quale riversava tradizionalmente il carcere.

Nel carcere di San Antonio, nell'isola di Margarita nel mare dei Caraibi la discoteca può contenere fino a 600 persone e gli eventi sono diramati sui social network. Secondo Carlos Nieto Palma, un attivista che lotta da anni per la difesa dei diritti umani, a comandare nel carcere è Teofilo Rodriguez, un trafficante di droga conosciuto come el Conejo, "il Coniglio". Nel carcere sono ospitati numerosi gangster locali.

LEGGI ANCHE