logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa di Reclusione di Milano Bollate

Carcere di Milano Bollate, Casa di Reclusione

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 11-10-2017

Via Belgioioso nr.120 CAP 20157
Milano, Lombardia, Italia

2000

COME FARE


La storia

La Seconda Casa di Reclusione di Milano-Bollate viene inaugurata nel dicembre del 2000 come Istituto a custodia attenuata per detenuti comuni (secondo il disposto dell'art. 115 del dpr 231\2000).

(dal sito Ministero della Giustizia)

Ministero della Giustizia

MILANO Bollate IIª casa - Casa di reclusione

Il sito

II Casa di Reclusione Milano - Bollate

Associazione Antigone

CR MILANO – BOLLATE

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

Facebook

Carcere Di Bollate

News cultura, arte, teatro, lavoro


Ormai di Estia Teatro Carcere Bollate
2017 | 10 - 17 novembre

Estia Teatro Carcere Bollate propone lo spettacolo intitolato "Ormai", dal 10 al 17 novembre 2017. Uno spettacolo divertente che ci allontana dalle delusioni della vita.

Ormai solo le responsabilità non ascoltate, le scelte non fatte, quelle sottili fughe nella linea irrazionale del tempo, i rimandi, le scuse, le balle “in buona fede” che ognuno ama raccontare a sé stesso per non assumersi la fatica del vivere.

ormai sperduti nella finanza, ormai aggrappati al piccolo soldo, ormai specchiati in un’immagine finta, ormai celebranti un potere da sfigati...

Ma che pessimismo! Che disfattismo! Che mancanza di fiducia ed entusiasmo! E quindi?

E allora dai..... ridiamo!

2341

La Proloco di Villasanta organizza un viaggio gastronomico inGalera
2017 | 20 ottobre

Una interessante e felice iniziativa della Proloco di Villasanta che per il 20 ottobre 2017 ha organizzato un incontro gastronomico nel ristorante del carcere di Bollate inGalera. La serata ha un titolo, "Ceniamo...al fresco" e non si tratta di una tranquilla e bucolica serata in una campagna autunnale. Il percorso di degustazione si consumerà nel carcere di Bollate dove da anni è attivo un ristorante d'eccellenza che offre piatti di alta gastronomia a tutti coloro che intendono recarsi in un luogo poco usuale per una serata in compagnia, o in coppia, e si vogliono regalare un percorso tra sapori e profumi di buona cucina. A quanto so è la prima uscita organizzata di questo tipo verso una meta carceraria e, se devo dire la verità, da tempo ci pensavo anche io e attendevo la prima volta di qualche gruppo. Il primato va, quindi alla Proloco di Villasanta che ha pensato di organizzare questo viaggio di alto valore sociale e civile che dimostra quanto l'opinione pubblica si stia interessando in modo concreto alla realtà delle carceri e alla valenza di progetti di riqualificazione sociale e riabilitativo. Il menù è, ovviamente, autunnale e mi risulta essere comporto da flan di porcini con crema di parmigiano e sedano in tempura, guancini di maiale da latte, gratin di zucca con porri e taggiasche, pata negra con chautney di cipolle rosse, bonet alla piemontese, acqua, vino a caffè. Una gioia per il gusto e, sicuramente, anche per la vista. Faccio i miei complimenti alla Proloco di Villasanta e mi auguro che altre attività del genere possano nascere in tutta Italia, verso il ristorante inGalera di Bollate ma anche in quello di Torino e di altre carceri italiane.

2447

L’AS Rugby Milano si occupa di rugby nel carcere di Bollate, Beccaria e San Vittore
2017 | 18 ottobre

L’AS Rugby Milano  è impegnata in progetti di rugby sociale, (sostenuti da Edison e Banca Popolare di Milano) come altri club in Italia. Nel carcere Beccaria AS Rugby Milano porta avanti Freedom Rugby da ormai dieci anni. I tecnici e i volontari Asr si recano ogni sabato nel minorile Beccaria e affiancano i giovani detenuti per affrontare gli allenamenti che permettono di agire sulla gestione dell’aggressività. Il Progetto «Rugby Bol» è attivo da cinque anni in favore dei detenuti del carcere di Bollate dove è stata costituira una squadra i Barbari Bollate che ha la possibilità di affrontare una partita all’anno in trasferta, fuori dal carcere. Nel 2017 è stato avviato un progetto sperimentale nel carcere di San Vittore.

2457

Tra i cavalli di Bollate per studiare l'empatia
2017 | 15 ottobre

2426

La cooperativa del carcere di Bollate ricicla durante le due giornate di campionato ippico Asi di sport equestri
2017 | 10 ottobre

2448

Fernando inventa uno strumento per velocizzare la differenziata
2017 | 6 ottobre

2459

Boxe a Bollate per detenuti e agenti
2017 | 4 ottobre

2483

Si sperimenta il nido per i bambini delle mamme detenute
2017 | 1 ottobre

2499

Corsi di tennis in carcere a Bollate
2017 | 25 settembre

10745

Si presenta il progetto Boxe Bollate
2017 | 24 settembre

Durante l'evento Indomabili di domenica 24 settembre 2017, alla discoteca Gate Milano, si presenterà il Progetto Pugilato Bollate che ha come finalità l'utilizzo della Boxe come strumento formativo e di avvicinamento alla legalità.

5302

Dipendenti Whirpool Emea nel carcere dj Bollate per il primo Community Day aziendale
2017 | 21 settembre

10734

Progetto Zero Mail per far comunicare velocemente i detenuti
2017 | 30 agosto

10820

Diploma di maturità per 4 detenuti del carcere di Bollate
2017 | 9 luglio

10705

Bollate rugby vittorioso sul Rugby Milano
2017 | 24 giugno

10678

Rugby a Bollate. La squadra del carcere sfida As Milano
2017 | 19 giugno

10623

L'Arcivescovo Scola in visita ai detenuti di Bollate
2017 | 4 maggio

10519

Gli studenti dell’IS Carlo dell’Acqua, venerdì mattina 31 marzo 2017
2017 | 31 marzo

Gli studenti dell’IS “Carlo dell’Acqua”venerdì mattina 31 marzo 2017 hanno incontrato presso il loro l’Istituto, due detenuti del carcere di Bollate per l'ultima parte del progetto: “La scuola entra in carcere. Il carcere entra a scuola” coordinato dalla prof. Meccariello. In questo che è il secondo appuntamento i due detenuti del carcere di Bollate hanno incontrato gli studenti insieme alla dottoressa Amie Kanu e al Maresciallo De Santis, comandante del nucleo Carabinieri di stanza alla Scuola Militare Teuliè di Milano. I detenuti hanno raccontato le proprie esperienze detentive agli studenti delle quinte diurne e alcuni studenti del corso serale. Gli studenti si sono confrontati con i due detenuti esprimendo le loro impressioni sull'incontro della scorsa settimana. Sogni, speranze e momenti passati di vita sono stati gli argomenti discussi, oltre alle personali storie di vite che hanno portato i due detenuti nel carcere di Bollate. La dottoressa Kanu ha descritto come il progetto Bollate porta ad un trattamento della pena più efficace e riabilitativo per i detenuti ospiti della struttura di Bollate.

3654

In Galera al ristorante di Bollate in visita Carlo Cracco
2017 | 4 marzo

10121

Erri De Luca e il teatro a Bollate
2017 | 17 febbraio

10364

ll presidente della Camera, Laura Boldrini visita il carcere di Bollate a Milano
2017 | 14 febbraio

10375

I volontari nelle carceri sono in crescita. Parla Massimo Parisi direttore di Bollate
2016 | 18 luglio

10439

I cuochi di Bollate partecipano alla cena al mare culturale urbano di Milano
2016 | 14 luglio

10459

14 giugno 2016. Si parla del progetto Officine musicali freedom sound
2016 | 14 giugno

14 giugno 2016. Si parla del progetto Officine musicali freedom sound attivo nel carcere di Milano Bollate. Sponsorizzato dalla Fondazione Monzino e dall'impegno ed all'interessamento del capo della polizia penitenziaria Francesco Mondello con gli agenti del IV reparto. Il progetto permette ai detenuti di suonare in una sala prove attrezzata come una sala professionale. Si è formato quindi un gruppo di musicisti con a capo Angelo Aquino nel carcere di Bollate dal 2011. La freedom sound insieme all'associazione Antigone da 4 anni partecipa al programma radiofonico Jalouse rock di Radio Popolare di Milano e Roma. La partecipazione avviene attraverso la registrazione di un brano musicale cover che parla di carcere tratto dal repertorio di artisti famosi.

10318

In trasferta all'Idroscalo i giocatori del Barbari Bollate
2016 | 11 giugno

Nel carcere di Bollate a Milano si gioca a rugby. 11 giugno 2016. I detenuti del carcere di Bollate che partecipano alle attività della squadra di rugby Barbari Bollate, escono in trasferta per una sfida al centro sportivo GB Curioni all'Idroscalo che è la nuova casa da un anno della as Rugby Milano. i giocatori avevano già disputato una partita il 2 giugno 2015 nel momento in cui venne inaugurata la struttura. Durante la giornata si presenta il documento Un bel coraggio rugby al carcere di Bollate diretto da Marcello Pastonesi con la sceneggiatura di Marcello Pastonesi e Giorgio Terruzzi.

10319

Premiate le donne del carcere di Bollate dal Best Practice Award Club Merate Empowering Bollate's Female Convicts
2016 | 10 giugno

10510

La mostra I colori della Libertà si inaugura venerdì 27 maggio 2016
2016 | 27 maggio

La mostra I colori della Libertà si inaugura venerdì 27 maggio 2016 alle ore 18:00 a Villa Bertarelli a Galbiate in via Bertarelli 15. La mostra è già stata esposta a Villa Reale a Monza. Esposte opere di pittura create dai detenuti del carcere di Bollate attraverso un laboratorio arteterapia in carcere ideato e portato avanti da Luisa Colombo. Si presenta anche il libro i colori della Libertà edito dalla Camera dei Deputati e presentato già a Palazzo Montecitorio il 23 luglio 2015 alla presenza del ministro della Giustizia l'onorevole Orlando. Organizza la mostra a Galbiate la Biblioteca Civica Giuseppe Panzeri. Sarà visitabile dal 28 maggio al 5 giugno 2016.

10307

I detenuti diventano meccanici: Officina-pilota al carcere di BollateI detenuti diventano meccanici: Officina-pilota al carcere di Bollate
2016 | 27 maggio

10261

27 maggio 2016. Detenuti impegnati nell'officina meccanica con gli agenti di polizia penitenziaria
2016 | 27 maggio

27 maggio 2016. Detenuti impegnati nell'officina meccanica con gli agenti di polizia penitenziaria. Tutto questo per mantenere in buono stato le macchine della polizia penitenziaria. Lavoro nel carcere di Bollate che è un istituto d'eccellenza tra quelli penitenziari italiani. Altri progetti lavorativi sono il catering ABC e il ristorante InGalera. In seguito ai tagli amministrativi il 50% dei veicoli del carcere di Bollate era in disuso con questo progetto è possibile utilizzare nuovamente le automobili e il parco auto rimettendolo a posto con energie interne. In questo modo il risparmio è del 70% sui costi e i detenuti impegnati sono 7.Con i proventi risparmiati sono state messe a posto alcuni locali e acquistate nuove attrezzature. Prevista l'apertura di una carrozzeria e di un autolavaggio per assumere circa 10 persone in più.

10317

In carcere di Bollate un nuovo laboratorio con macchinari hi-tech
2016 | 23 maggio

10224

ll laboratorio pubblico strumenti di impresa
2016 | 23 maggio

S'inaugura il 23 maggio 2016 il laboratorio pubblico strumenti di impresa. Si tratta di uno spazio che ospiterà alcuni macchinari specializzati nel testare schede elettroniche. Lo porteranno avanti alcuni tecnici messi a disposizione dalle aziende milanesi. Il laboratorio fa parte di un progetto più vasto chiamato strumenti di impresa che è frutto della collaborazione tra il Comune di Milano, il carcere di Bollate e la cooperativa sociale Estia.

10271

21 maggio 2016. Presentazione dell'antologia in chiusura della laboratorio di poesia
2016 | 21 maggio

21 maggio 2016. Presentazione dell'antologia in chiusura della laboratorio di poesia tenuto nel settembre 2015 presso il carcere di Milano Bollate. Il laboratorio è stato coordinato da Maddalena CapalbiPaolo Barbieri e Anna Maria Carpi. Prefazione dell'antologia del senatore Luigi Manconi e di Federica Resta. Iscritti al corso sono stati circa 20 detenuti di ogni nazionalità. Il libro si intitola Una lastra di infinito ed è pubblicato dalla casa editrice Moretti&Vitali. Le poesie sono circa 50 e raccontano la vita le speranze e le esperienze dei detenuti che le hanno scritte. Il foglio sul quale sono state redatte ha rappresentato l'unico modo per comunicare all'esterno alla società libera i propri pensieri. Il laboratorio di poesia a Bollate è stato fondato 12 anni fa da Maddalena Capalbi, poetessa, volontaria in questo carcere. Paolo Barbieri partecipa da tre anni al progetto.

10314

21 maggio 2016. Al CAM Garibaldi di corso Garibaldi 27
2016 | 21 maggio

21 maggio 2016. Al CAM Garibaldi di corso Garibaldi 27 si presenta la raccolta di poesie una lastra di infinito a cura dell'Associazione La Conta. sono presenti gli organizzatori e curatori Paolo Barbieri e Maddalena Capalbi con Anna Maria Crespi. Raccolta di cinquanta poesie che parlano della vita di una ventina di detenuti di ogni etnia. Editori Moretti&Vitali.

10306

Una lastra d’infinito. Nel Carcere di Bollate, le poesie dei detenuti nella raccolta
2016 | 20 maggio

Il laboratorio di poesia coordinato da Maddalena Capalbi, Paolo Barbieri e Anna Maria Carpi nel Carcere di Milano Bollate.

10236

A Villa Bertarelli di Galbiate arriva la mostra I colori della libertà
2016 | 19 maggio

10219

Detenuti del carcere di Bollate e studenti del Liceo Artistico Preziosissimo Sangue di Monza
2016 | 12 maggio

Detenuti del carcere di Bollate e studenti del Liceo Artistico Preziosissimo Sangue di Monza sono stati gli artefici di un murales che è stato dipinto nel commissariato di polizia Garibaldi Venezia di via Schiapparelli. Inaugurazione il 12 maggio 2016 alla presenza dell'artista Luisa Colombo che ha supervisionato il progetto e lo ha ideato dal titolo crescere ad arte nella legalità. Il murales è stato finanziato dal Centro Studi Parlamento della legalità delegazione Lombardia Onlus che vuole celebrare in questo modo il lavoro della polizia.

10288

Milano, detenuto e due liceali firmano murales in commissariato
data 2016 | 11 maggio

Un detenuto del carcere di Bollate e due studenti del liceo artistico Preziosissimo Sangue di Monza hanno realizzato un murales all'interno del commissariato di polizia "Garibaldi-Venezia" di via Schiapparelli.

10142

Sabato la partita di volley nel carcere di Bollate
2016 | 10 maggio

Le “Partite del cuore”, iniziativa che l’Associazione Gli amici di Zaccheo da 6 anni conduce con la collaborazione di squadre di volley femminile esterne al carcere di Bollate.

10133

Ora d’aria nel carcere Bollate – il carcere e le sue storie
2016 | 2 maggio

10071

Boxe, il commiato di Cammarelle parte dal carcere di Bollate
2016 | 28 aprile

Una location assai particolare per presentare il grande addio alla boxe di Roberto Cammarelle, gigante dei supermassimi, nell’ambito del Duel tra l’Italia di Lello Bergamasco e la Francia.

10041

Rave della sostanza – Una giornata dedicata all’accoglienza
2016 | 18 aprile

Alle ore 21,30 nel carcere di Bollate, Letture reading di Lorenzo Mori che legge poesie e racconti provenienti dal carcere. 

9896

Cena d'eccellenza nel carcere di Bollate
2016 | 11 aprile

9353

Progetto pet therapy con i cani nel carcere di Milano Bollate.
2016 | 29 marzo

Interventi di pet therapy per ottenere benefici psico-educativi con la relazione uomo-animale.

9127

Mahagonny la città trappola recitato dai detenuti del carcere di Milano Bollate
2016 | 23 marzo

Ascesa e caduta della città di Mahagonny è uno spettacolo di testi poetici interpretato dai detenuti della II Casa di Reclusione di Milano-Bollate.

9060

Cena con teatro nel carcere di Bollate
2016 | 21 marzo

9021

Poesia nel carcere di Bollate
2016 | 21 marzo

Maddalena Capalbi dal 2006 coordina un corso di scrittura creativa nella Casa di Reclusione di Bollate, curando ogni anno le antologie poetiche.

9025

Al teatro Carcano di Bollate lo spettacolo dei detenuti del carcere di Bollate
2016 | 14 marzo

Mahagonny la città trappola, al teatro Carcano di Milano con gli attori del carcere di Milano Bollate.

8937

Nel carcere di Bollate il ristorante sold out
2016 | 10 marzo

In Galera, il ristorante del carcere di Milano Bollate, raccoglie molte recensioni entusiastiche sui social. La qualità è riconosciuta e la valenza sociale che mira all'inclusione ha trasformato i detenuti in professionisti della ristorazione.

8749

Il ristorante del carcere di Bollate a Milano. Articolo sul New York Time
2016 | 7 marzo

In galera è il nome del ristorante inaugurato nell'ottobre 2015 all'interno del carcere di Milano Bollate.

8857

Il ristorante nel carcere di Bollate a Milano riscuote successi
2016 | 4 marzo

Cuochi e camerieri detenuti. È il primo ristorante in carcere in Italia a Milano Bollate.

8845

Arteterapia nel carcere di Monza
2016 | 26 febbraio

Arteterapia dal carcere di Milano Bollate con il progetto “Oltre le sbarre arteterapia in carcere” i detenuti del II reparto del carcere raccontano la loro esperienza agli studenti delle scuole di Monza. Gli Istituti superiori di secondo grado Hensemberger, Polo per la legalità della provincia di Monza e Brianza, e Mosè Bianchi, le Scuole secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo di via Correggio e dell’Istituto Paritario Preziosissimo Sangue.

8790

I cavalli nel carcere di Milano Bollate
2016 | 9 febbraio

Il progetto "Cavalli in carcere" è stato avviato all’interno della casa di reclusione Milano-Bollate nel 2007.

8876

I libri viventi del carcere di Bollate a Milano raccontati su carta
2016 | 4 febbraio

Torna la Biblioteca Vivente nel carcere di Bollate a cura dell'Associazione ABcittà. Questa volta è un libro cartaceo che raccoglie racconti e saggi che raccontano le esperienze dei detenuti di Bollate. Gli autori del libro sono Gianni Biondillo, Stefania Arru, Matteo Ferrario, Paola Meardi, Massimiliano Maestrello, Martina Fragale, con contributi critici di Cristian Zanelli e Ulderico Maggi.

8719

La Biblioteca Vivente di Bollate raccontata in un volume di racconti
2016 | 4 febbraio

Scrittori emergenti e giornalisti firmano la raccolta di storie degli ospiti del penitenziario modello in Lombardia...

8927

Allenamenti in carcere e trasferta con la scorta, a Bollate la prima squadra in Europa interamente composta da detenuti
2016 | 23 gennaio

9018

Biblioteca vivente. Narrazioni fuori e dentro il carcere, presentazione a Milano.
2016 | 21 gennaio

"Biblioteca vivente. Narrazioni fuori e dentro il carcere". Un libro che racconta l'esperienza della narrazione vocale in un carcere.

9052

Martina Colombari nel ristorante dei detenuti: Ieri sera sono stata in Galera
2016 | 15 gennaio

9040

Asilo in carcere a Bollate
2016 | 10 gennaio

"BioBab", l’asilo nido aperto lo scorso settembre all’interno del carcere di Bollate.

9071

Un Natale a Rebibbia per Heinz Beck. Gli chef stellati in cucina per i detenuti
2015 | 22 dicembre

In 5 carceri italiane, a Roma, Milano, Palermo e Modena, il 23 dicembre verrà offerto a tutti i detenuti un pranzo di Natale a cinque stelle

9249

Cavalli in carcere, il cortometraggio che ha premiato l’idea di uno studente genovese e dei suoi collaboratori
2015 | 6 dicembre

Un cortometraggio per documentare una realtà diversa, quella della seconda casa circondariale di Milano a Bollate.

9476

Nuovo progetto lavorativo per i detenuti di Bollate
2015 | 12 novembre

9672

Apre primo ristorante in un carcere (aperto a tutti)
2015 | 26 ottobre

9736

Il Documentario Breve CAVALLI IN CARCERE selezionato al EXSPORT MOVIES & TV 2015 – 33rd MILANO INTERNATIONAL FICTS FEST
2015 | 23 ottobre

I giovani cineasti, studenti della Civica Scuola di Cinema, sono stati presenti, in dieci di incontri nel carcere di Bollate

9747

Il live di Colapesce nel carcere di Bollate
2015 | ottobre

Concerto di Colapesce, agente di Polizia Penitenziaria, al secolo Lorenzo Urciullo nel carcere di Bollate a Milano.

6430

In Living Memory: iniziative dedicate alla cultura in carcere del teatro
2015 | 13 ottobre

9821

Scrittori Dentro. Pensieri sul cibo da dietro alle sbarre
2015 | 4 ottobre

9836

Algida dona migliaia di gelati ai detenuti del carcere di Milano Bollate
2015 | 15 agosto

In occasione del Ferragosto 2015 il padiglione dell'Algida, presente all'Expo, ha regalato 1100 gelati ai detenuti di Bollate.

6305

Il progetto di arte terapia dal carcere di Milano Bollate alla Camera dei Deputati
2015 | 23 luglio

Intervento giovedì 23 luglio 2015, alla Camera dei deputati di 5 detenuti del carcere di Milano Bollate, che hanno spiegato, insieme all’arteterapeuta Luisa Colombo, il percorso svolto ed i benefici ottenuti. Presentazione del libro I colori della libertà. Progetto “Arteterapia in carcere” 

6230

Libri viventi. I detenuti del carcere di Bollate si raccontano
2015 | 17 luglio

Il 17 luglio 2015, dalle 19 alle 23, la Biblioteca Vivente è ospitata nel carcere di Milano Bollate. Uomini e donne detenuti racconteranno, come libri viventi, la loro esperienza a spettatori esterni.

6191

Il ristorante nel carcere di Bollate. Il primo in Italia
2015 | luglio

5845

I Barbari, la squadra di rugby del carcere di Bollate a Milano inaugurano il campo all'idroscalo
2015 | 12 giugno

5815

Due artisti in mostra nel carcere di Bollate a Milano
2015 | 19 maggio

Inaugurazione della mostra "Viaggio della speranza". Opere di Armando Fettolini e Dolores Previtali esposte nel carcere di Milano Bollate. L'evento si è tenuto marted' 19 maggio 2015 nel carcere di Bollate alla presenza del sindaco di Milano Giuliano Pisapia accompagnato da autorità politiche. Si tratta dell'evento inaugurale di una serie di 18 incontri organizzati dal Ministero della Giustizia nel contesto degli Stati Generali - Esecuzione della pena - Dignità - Diritti - Sicurezza.

5816

I detenuti di fronte all'EXPO. L'Esposizione Universale dal carcere di Bollate
2015 | 7 maggio

5880

Waiting to Go. Uno spettacolo a Milano con attori detenuti
2015 | 28 aprile

WAITING TO GO, è uno spettacolo ispirato all'opera dell'autore Samuel Beckett con la regia di Riccardo Mallus. Il progetto è nato nel 2014 all’interno della II Casa di Reclusione di Bollate, in seguito al gemellaggio tra Laboratorio di Poesia con l’Associazione Arte In Tasca. La rappresentazione andrà in scena, con 14 detenuti, donne e uomini, martedì 28 aprile 2015 al Teatro Carcano di Milano in C.so di Porta Romana. Accompagnamento dell’Orchestra a plettro i Mandolinisti Bustesi.

5043

Il fotografo Scianna incontra i detenuti del carcere di Bollate
2015 | 15 aprile

Mercoledì 15 aprile 2015 il fotografo Ferdinando Scianna incontrerà i detenuti della II Casa di Reclusione di Milano-Bollate per presentare Visti&Scritti della casa editrice Contrasto. Scianna racconterà l'iter di costruzione del volume e di come sono state messe insieme parole e immagini. 

5624

Le carceri a Expo 2015
2015 | 8 maggio - 31 ottobre

Expo coinvolge anche i detenuti delle carceri italiane. Più o meno un centinaio di persone detenute saranno impegnate nell’organizzazione logistica di Expo, con servizi di facchinaggio, assistenza al personale, accoglienza e supporto informativo. Dal carcere di Bollate saranno inviati 35 detenuti. Per l'occasione presso il carcere di Bollate è stato organizzato un convegno al quale sono stati invitati a partecipare i commissari dei 146 paesi partecipanti all'Expo 2015. Il tema è quello del lavoro nelle carceri e un confronto sull'alimentazione in detenzione. Molte saranno le iniziative nelle altre carceri milanesi. Il progetto si intitola "(c)artebollate" e raccoglie tutte le iniziative, definite "jail Expo", organizzate all'interno del carcere di Bollate durante i sei mesi di durata dell'Expo 2015.

5358

Piante vagabonde presentate nel carcere
2015 | 12 marzo

Il verde spontaneo degli spazi aperti colonizza e colora gli spazi. Marianna Merisi giovedì 12 marzo 2015, alle ore 17.30, presso Spazio Comune, parlerà delle sue ricerche sulle Piante Vagabonde e del suo lavoro nel carcere di Bollate per conto della Cooperativa Sociale “Cascina Bollate”. Si tratta del quarto incontro sul tema delle piante pioniere, il verde che arriva prima di ogni altro a colonizzare zone incolte, asfalti e aree della città abbandonate. 

5418

ShamRock band. Concerto nel carcere di Bollate
2015 | febbraio

Nella Casa di Reclusione di Milano Bollate si è esibita la ShamRock band, un gruppo irlandese, grazie ad un progetto di Alessandro Venuto che fa parte dell'associazione “Progetto per la liberazione nella prigione“. Sono stati un centinaio i detenuti che hanno potuto assistere al concerto e hanno offerto alla band la possibilità di esibirsi in un luogo di detenzione davanti a un pubblico numeroso. Il gruppo ShamRock si era già esibito nel 2012 per un piccolo gruppo nel carcere di San Vittore.

5312

TeatroInBolla di Salvatore Ladiana a Bollate
2015 | 24 gennaio - 18 aprile

I laboratori teatrali sono la forza del trattamento umanizzante nelle carceri italiane. Attualmente soffrono di una continua e progressiva sottrazione di risorse finanziarie. I progetti sono tutti iniziative di Associazioni che devono trovare il modo di pareggiare i conti. Fortunatamente l'entusiasmo non manca e la passione sostiene gli operatori anche dove l'attività è frutto di volontariato.

Un caso interessante di teatro in carcere, non solo finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo, è il progetto “TeatroInBolla” è stato realizzato all'interno della Casa di Reclusione di Milano Bollate per opera di Salvatore Ladiana e Vittoria Rossini in sinergia con l’Associazione VIOLA presieduta dalla Dott.ssa Grazia Arena. Si è trattato di un laboratorio di Teatroterapia attivo dal 24 gennaio 2015 é terminato il 18 aprile 2015.

Il laboratorio di Teatroterapia è stato articolato in dodici incontri settimanali di due ore ciascuno. Ha partecipato ai lavori un folto gruppo di detenuti tutti altamente motivati e coinvolti emotivamente. A condurre il laboratorio è stato Salvatore Ladiana che ha ottenuto un risultato altamente positivo e i ringraziamenti dei detenuti partecipanti.

TeatroInBolla ha portato una formula particolarmente efficace nel teatro in carcere attraverso la partecipazione di Vittoria Rossini (Counselor filosofica e co-fondatrice dell’Associazione TeatroInBolla), che, in quanto unica presenza femminile, è riuscita a creare un clima molto favorevole ed equilibrato. Il tema di fondo è stato la ricerca della bellezza attraverso i rispettivi linguaggi corporei al fine di permettere di riconfigurare in modo consapevole alcuni aspetti della propria personalità trasformando in atto creativo la rabbia e le spinte negative. Il processo attivato dal laboratorio ha richiesta molta fatica emotiva supportata, però, dalla forza del gruppo.

5685

Biblioteca Vivente, come sfogliare libri umani nel carcere di Bollate
2014 | 8 ottobre

L'8 novembre 2014 presso la casa di reclusione di Bollate si è allestita una esposizione di libri viventi dal titolo "fuori-dentro" in allusione alla filosofia del trattamento della pena che promuove progetti in collaborazione tra carcere e territorio. I protagonosti della Biblioteca Vivente sono 20 detenuti trasformati in libri umani.

5026

La pet therapy nel carcere di Bollate
2014 | 3 agosto

Nella Casa di Reclusione di Bollate sono attivi due progetti di Pet Therapy. I risultati sulla popolazione detenuta sono molto promettenti. L'iniziativa è delle associazioni onlus Cani dentro e il Cercapadrone.

4916

Rugby. Barbari di Bollate vs Volontari della società milanese
2014 | 7 giugno

Incontro di rugby dietro le sbarre. Sabato 7 giugno 2014 alle ore 10 i Barbari Rugby della Casa di Reclusione di Bollate affrontano i Volontari della società milanese. “Rugby Bol” è attivo nel carcere di Bollate dal 2013 grazie all'Associazione Sportiva Rugby Milano. 

4044

A Sondrio una giornata in piazza dedicata al carcere
2014 | 6 giugno

Pensato e realizzato all'interno del progetto Training di cittadinanza attiva indoor e outdoor III, dalla Cooperativa Sociale Ippogrifo, in collaborazione con la Cooperativa Sociale e.s.t.i.a., con il patrocinio del Comune di Sondrio, vedrà la partecipazioni molti giovani stiudenti della provincia di Sondrio. "Training in piazza" si tratterà di una giornata di sensibilizzazione sul tema carcere e giustizia riparativa.

3836

Ottava edizione milanese della Biblioteca Vivente dedicata al tema della detenzione e del carcere
2014 | 21 maggio - 7 giugno

La presentazione per la stampa e per il pubblico dell'ottava edizione della Biblioteca Vivente sarà intitolata fuori - dentro e si terrà presso la Biblioteca Parco Sempione, mercoledì 21 maggio 2014 alle ore 18. Il primo evento Biblioteca Vivente Oltre il Muro si terrà sabato 7 giugno 2014 (ore 15-19) presso Biblioteca Parco a Milano in collaborazione con il carcere di Bollate. I libri umani, come nella tradizione della Biblioteca vivente si sono sempre occupati di emergenze sociali e ambiti difficili. In questa edizione si affrontano i pregiudizi che vogliono i detenuti ospiti troppo privilegiati di residenze penitenziarie mantenute a carico del cittadino vittima di reato.

3780

Flavio Caroli incontra i detenuti del carcere di Opera
2014 | 13 maggio

Flavio Caroli, terrà una conferenza nel Carcere di Opera in data martedì 13 maggio 2014. Ad affiancarlo in qualità di relatori saranno il manager produttore Salvo Nugnes e l'attore Alessandro Quasimodo, figlio di Salvatore. L'incontro rientra in Cultura Milano, festival artistico e letterario.

3783

L'alta cucina di Berton nel carcere di Bollate a Milano
2014 | 8 aprile

Una lezione di alta cucina nella Casa Circondariale di Bollate. Lo chef Andrea Berton insegna ai detenuti della Cooperativa sociale Onlus di catering "ABC la Sapienza in Tavola a cucinare le carni. L'evento è stato possibile anche grazie al supporto delle aziende organizzatrici  - Eblex, Ente promotore dell'Industria Inglese delle Carni, Longino&Cardenal, cibi rari e preziosi, e Ridings Reserve.

3702

Conferenza di Margaret Mazzantini nel carcere di Bollate a Milano
2014 | 28 marzo

Venerdì 28 marzo 2014, la scrittrice Margaret Mazzantini, accompagnata dal manager Salvo Nugnes, ha incontrato i detenuti della Casa Circondariale Bollate di Milano. L'evento rientra nel programma della manifestazione Cultura Milano.

3750

La cella in piazza a Busto Arsizio
2013 | 22 novembre - 1 dicembre

A Busto Arsizio, dal 22 novembre 2013 fino al 1 dicembre 2013, i cittadini potranno visitare un modello di cella realizzato all'interno della Casa Circondariale di Milano Bollate. Inoltre venerdì 22 novembre 2013, dalle 9.30 alle 13, sarà possibile partecipare al convegno presso la Sala Tramogge, Molini Marzoli via Molino, 2 (angolo via Cadorna). Il progetto si intitola ExtremaRatio e prevede la ricostruzione fedele di una cella di 8 metri quadri, assemblata nel carcere di Bollate ad opera dei detenuti e di propretà di Caritas Ambrosiana. Guideranno la visita alcuni studenti del Liceo Crespi di Busto e dei gruppi Agesci di Busto insieme ad un operatore e a un ex detenuto.

3247

I giocattoli della falegnameria del carcere di Bollate presentati alla Fiera «G come Giocare»
2013 | 22 - 24 novembre

Gli studenti del corso di formazione del design del giocattolo del Politecnico collaborano con i detenuti impiegati nella falegnameria della Casa Circondariale di Bollate. Si cotruiscono giocattoli e arredi per bambini con distribuiti con il brand Viva Wood grazie al lavoro di dieci detenuti che collaboreranno con gli studenti del Politecnico. La presentazione ufficiale dei prodotti si terrà in occasione della Fiera «G come Giocare» dal 22 al 24 novembre 2013.

3118

Il nono Sound Tracks Festival fa tappa nel carcere di Bollate
2013 | 4 ottobre

L'ultima tappa della nona edizione del Sound Tracks Jazz & Blues festival si terrà all'interno della Casa Circondariale di Bollate il 4 ottobre 2013. Si esibiranno Guitar Ray & the Gamblers.

2990

Jailhouse Rock. La prima web-radio sulla detenzione
2013

Jailhouse Rock è il titolo di una trasmissione radiofonica dedicata a musica e carcere che va in onda tutti i venerdì su radio web della Cgil dalle 17 alle 18. Al fine di permettere un maggiore ascolto la trasmissione va in differita su altri network di Radio Popolare. I protagonisti sono musicisti finiti in carcere, tra i quali anche tre membri del gruppo britannico Beatles. Alcuni detenuti del carcere di Bollate hanno interpretato il brano Yesterday. La trasmissione da voce al Giornale Radio dal carcere redatto da un gruppo di detenuti di Bollate e Roma Rebibbia. Conduce la trasmissione Patrizio Gonnella insieme a Susanna Marietti dell'Associazione Nazionale Antigone.

3100

Un quadrangolare di calcio per le carceri di Bollate, Opera, Como e Bergamo
2013 | 2 ottobre

Il 2 ottobre 2013 si svolgerà un Quadrangolare di calcio tra le Case Circondariali di Bollate, Opera, Como e Bergamo per celebrare la Settimana dello sport contro la violenza di genere indetta dal Coni e patrocinata da quello nazionale e da quello lombardo dal 1 al 6 ottobre 2013. L'evento è dedicato alla memoria della giovane ginnasta Yara Gambirasio uccisa nel gennaio 2011. Le competizioni saranno 4 di 35 minuti ciascuna.

3076

Josef Albers in mostra nel carcere di Bollate
2013 | 30 settembre

La Fondazione Stelline e la Josef and Anni Albers Foundation, con la collaborazione del carcere di Bollate e E.S.T.I.A. Cooperativa Sociale Onlus portano nella Casa Circondariale di Bollate le opere dell'artista minimale Josef Albers. Avviene in occasione della grande esposizione monografica dedicata all'artista dalla Fondazione stelline di Milano con termine 6 gennaio 2014. I detenuti sono stati coinvolti nel processo espositivo, nella progettazione dell'allestimento della mostra e nell'organizzazione dei momenti teatrali. Il 30 settembre 2013, alle ore 18.00, presso la sala teatrale del carcere di Bollate si tiene un incontro di approfondimento sulla mostra e di avvicinamento alle opere di Josef Albers. A condurre l'incontro sarà Nicholas Fox Weber, Executive Director della Josef and Anni Albers Foundation.

3086

Carcere di Bollate. Ah, che bbell’o cafè: premiazione di cuochi e poeti galeotti
2015 | 23 settembre

Il 2 ottobre 2015, ore 17.30, presso la Casa di Reclusione di Bollate si terrà la premiazione dei concorsi dell’Associazione Artisti Dentro Onlus, riservati ai detenuti con sentenza definitiva.

9891

Un video rap dei detenuti del carcere di Bollate
2013 | settembre

3058

Teatroterapia nel carcere di Bollate a Milano, spettacolo finale
2013 | 12 settembre

Lo spettacolo “MA…LA…VITA”, realizzato nell'ambito del progetto Raccontarsi: percorso verso la libertà, organizzato all'interno della Casa Circondariale di Bollate a Milano va in scena giovedì 12 settembre 2013. Il progetto di teatroterapia è stato finanziato da Regione Lombardia e patrocinato da ANVOLT e COOP. LUCE, in collaborazione con la Direzione della Casa di Reclusione di Bollate e ASL Milano SerT3. Ha diretto il corso il regista Dott. Mario Ercole e la Psicologa Dott.ssa Ilaria Coronelli. I partecipanti sono stati molti detenuti reclusi presso il VII Reparto del Carcere di Bollate. Nello spettacolo “MA…LA…VITA” recitano 15 detenuti del VII reparto affiancati da un gruppo musicale,“Settequarti”, composto da detenuti. La scenografia riproduce tre celle che servono per illustrare al pubblico la realtà della vita in carcere. I testi che recitano i detenuti raccontano delle loro speranze nel dopo pena. Al termine dello spettacolo si tiene un dibattito aperto tra pubblico e detenuti protagonisti dell'evento.

3035

Ricomincia la stagione nel vivaio del carcere di Bollate
2013 | agosto

All'interno della Casa Circondariale di Bollate la Cooperativa sociale Cascina Bollate ricomincia la sua attività con i detenuti vivaisti. Per l'autunno 2013 sono previsti corsi monografici per ospiti esterni. L'invito è anche rivolto a volontari che possano aiutare l'opera degli esperti. A ottobre si parlerà delle piante erbacee perenni, delle basi tecniche del giardinaggio, potatura, erbe ornamentali, graminacee.

3002

I detenuti del carcere di Bollate ridipingono le scuole con i genitori degli studenti
2013 | 13 luglio

In tempi di crisi la soluzione arriva dal carcere. I detenuti del carcere di Bollate, grazie ad un accordo tra i settori "Servizi sociali" e "Lavori Pubblici" del Comune di Bollate e dall’istituto comprensivo Rosmini, hanno assunto la divisa in bianco e con i genitori hanno imbiancato le classi dell'istituto di via Diaz. Il lavoro è stato svolto insieme ai genitori dei giovani studenti della scuola il 13 luglio 2013 e in altre date, fino a compimento dell'opera di rimessa a nuovo delle aule.

2900

I detenuti del Gruppo dellaTrasgressione a Bollate progettano il carcere del futuro
2013 | 8 luglio

All'arrivo, dopo aver percorso interminabili corridoi, decorati in modo magistrale, con murales raffiguranti opere d'arte del passato, ci accoglie Cisky, ragazzone milanese, con un rap di benvenuto nel torrido ma caloroso teatro della Casa di Reclusione di Bollate. E' in corso la presentazione de: "Uno spazio per progettare" progetto che ha coinvolto 60 studenti del Politecnico di Milano e 25 detenuti che partecipano ai lavori del Gruppo della Trasgressione.  Su di un lungo tavolo sono esposti 18 progetti nati dal lavoro di gruppi misti, studenti e detenuti. E' da subito evidente la presenza transgenerazionale degli ospiti del carcere di Bollate, ragazzi che purtroppo scontano anni di carcere nella loro giovane età e veterani non più giovani, con molti anni di detenzione alle spalle e tanta esperienza da portare al gruppo. Si è riflettuto sulla valenza che ha lo spazio abitativo, soprattutto in condizioni di ristrettezza, coercizione e, non da poco, promiscuità e spesso sovraffollamento. Da parte sua il Gruppo della Trasgressione, capitanato dal magistrale dottor Angelo Aparo, continua la sua riflessione tra fragilità e abuso di potere, di coloro che hanno utilizzato la loro forza e la loro intelligenza per delinquere. In questo caso tali qualità sono state utilizzate per progettare insieme agli studenti degli spazi legati alla detenzione. Ha introdotto l'evento il dottor Angelo Aparo, perfetto anfitrione. A fare gli onori di casa il direttore della Casa di Reclusione di Bollate il dottor Massimo Parisi. Presente anche una rappresentanza del Pra della Lombardia. Il clima di fondo, invocato dallo stesso direttore Parisi, è il processo di osmosi culturale tra dentro e fuori, la realtà della detenzione che utilizza lo scambio della cultura libera per costruire percorsi di evoluzione, la cultura libera che si arricchisce confrontandosi con l'esperienza delle persone che stanno vivendo l'esperienza della detenzione. La Casa di Reclusione di Bollate è imperniata su questo concetto e ne sperimenta tutte le variabili possibili. L'incontro di lunedì 8 luglio 2013 è stato un momento di verifica del lavoro svolto. Tanto è vero che il pubblico era composto da studenti, detenuti partecipanti al progetto e i docenti coinvolti. Presente il vice Preside di Facoltà, Remo Rigati, e i professori che hanno seguito direttamente il progetto, Prof. arch. Emilio Caravatti, docente di progettazione architettonica, prof. arch. Lorenzo Consalez, docente di architettura del paesaggio, coadiuvati dai cultori della materia del laboratorio: architetti Ettore Bergamasco, Massimiliano Spadoni e Camilla Vecchi.   Il progetto, come ha spiegato il professor Rigati è stato un esempio di apertura dell'Università al territorio, al sociale tangibile, al fine di favorire il processo di conoscenza dello studente. È stato infatti determinante, per gli studenti, parlare e programmare direttamente con i detenuti che hanno cooperato nei gruppi, vedere i luoghi, sentire i suoni e vedere i volti degli altri ospiti, e osservare come questi ultimi si muovono negli spazi interni del carcere. Il processo di progettazione è stato particolarmente vincolato dal fatto che si è lavorato con gli spazi di una Istituzione Totale. I gruppi di progettazione hanno lavorato suddivisi in tre sezioni: lo spazio individuale della cella, gli spazi comuni interni e gli spazi comuni esterni. I gruppi, misti, hanno poi lavorato dialogando: gli studenti hanno ascoltato le necessità ed i suggerimenti dei detenuti e con loro hanno riprogrammato gli spazi tenendo conto delle esigenze di miglioramento espresse dagli ospiti del carcere. Ogni progetto è stato presentato da un portavoce del gruppo e anche i detenuti hanno avuto la possibilità di esprimere, con soddisfazione, la propria esperienza. Ha chiuso l'incontro il dottor Angelo Aparo che ha definito il progetto come una felice esperienza di progettazione esistenziale. Infatti la riprogettazione degli spazi detentivi è stato un modello formativo, che deve guidare la persona in detenzione nel riprogrammare la sua esistenza, nell'evolvere verso una personalità che sappia utilizzare in modo corretto socialmente le proprie energie. Altri due progetti simili sono stati realizzati dal Politecnico di Torino e dal Politecnico di Napoli. Sempre il dottor Aparo ha espresso la sua soddisfazione per la proposta della Provincia che ha offerto l'Idroscalo come altra opportunità per mostrare alla cittadinanza i risultati del progetto. L'evento sarà realizzato nell'autunno 2013. I progetti sono stati presentati durante il Festival di arte, design e paesaggio “Studi aperti/paesaggi mirati” VI edizione - Ameno 5-6-7 luglio 2013. La rassegna rientra nell'ambito di nell’ambito di Studi Aperti Arts Festival a cura di Asilo Bianco e DA–A Architetti.

2891

Su La Stampa l'eccellenza del carcere di Bollate
2013 | 21 giugno

Il quotidiano "La Stampa" dedica un articolo alla Casa di Reclusione di Bollate di Milano considerata un carcere d'eccellenza tra quelle italiane. All'interno di questo Istituto di Pena non vi è mai stato un suicidio e la popolazione detenuta ha per una gran parte la possibilità di frequentare corsi e di lavorare. Sono 160 i detenuti che usufruiscono dell'articolo 21 e 330 le persone detenute che utilizzano permessi premio. Nell'articolo viene intervistato un detenuto che ha fondato un laboratorio di pelletteria con la sua compagna. Nel carcere le celle sono aperte tutto il giorno e il direttore il dottor Massimo Parisi afferma che si pratica una "vigilanza dinamica" basata su un patto di responsabilità con la popolazione detenuta ospitata. Gli agenti di polizia penitenziaria sono 430, meno che negli altri istituti di pena italiani, i detenuti sono 1180 e 90 le donne detenute. L'intera popolazione detenuta è per il 99% per cento condannata in via definitiva e sono 19 gli ergastoli. All'interno della Casa di Reclusione di Bollate non vi è sovraffollamento. A sottolineare il clima di corresponsabilità esistente, nel laboratorio di pelletteria Il fondatore, Santo Tucci, fa vedere gli strumenti da taglio che possono essere utilizzati liberamente. Ovviamente come afferma anche lo stesso Tucci il carcere di Bollate non è un albergo a 4 stelle, occorre comunque la volontà del detenuto per fare in modo che la struttura funzioni nel modo corretto. Il teatro è presente e si realizzano anche spettacoli a pagamento, esiste un laboratorio musicale, una struttura che produce catering e le redazioni di due giornali "Carte bollate" e "Salute in grata". Il fatto che il carcere di Bollate rappresenti una situazione d'eccellenza,  all'interno del sistema penitenziario italiano, sottolinea il fatto che la prima condizione perchè vi sia un corretto trattamento, e questo percorso sia efficace, è il lavoro o quantomeno la presenza di corsi che impegnino la popolazione detenuta durante la giornata, che nella gran parte dei casi risulta passare in ozio all'interno della cella di detenzione.

2877

Expo, 2 mila detenuti «arruolati» per i lavori
2013 | 13 giugno

9959

Effetti personali rassegna sul carcere a Bollate
2013 | 5 - 14 aprile

La rassegna effetti personali e stata una parte importante progetto europeo Grundtvig che ha visto la collaborazione di molti partner europei provenienti da Marsiglia da Oslo e Remus a Barcellona il museo interattivo del cinema di Milano. Ospitato dal 5 al 14 aprile 2013 in collaborazione con la cooperativa sociale Estia che lavora all'interno della Casa di Reclusione di Bollate. Si tratta di una serie di eventi con proiezioni di film e documentari. Ne è seguita una tavola rotonda rotonda alla quale hanno partecipato esponenti della cultura e del carcere di Milano, Michelina Capato Sartor, regista della compagnia teatrale instabile, attiva all'interno del carcere di Bollate, il direttore del carcere di Bollate ancora Gianfilippo Pedote produttore e poi Elena Mosconi docente di storia del cinema a Cremona e a Milano. Piero Cannizzaro regista ha illustrato le fasi di produzione del video dal titolo Ossigeno al quale ha partecipato il detenuto Agrippino. Il protagonista è un pittore e poeta divenuto ladro d'arte.  La testimonianza di Elena Mosconi ha puntualizzato in modo più teorico e filosofico l'esperienza del vedere ed essere visti che riguarda il campo della percezione del mondo, soprattutto quella dei detenuti. Tutti gli operatori coinvolti hanno portato la loro esperienza e hanno sottolineato quanto, un progetto di questo tipo, sia necessario per attivare un clima più sereno e alleggerire le tensioni all'interno degli Istituti di Pena.

2833

Un vero lavoro per i detenuti dell'Associazione Un salto oltre il muro nel carcere di Opera a MIlano
2013 | aprile

2690

Teatro in pentola per la compagnia teatrale femminile del carcere di Bollate
2013 | 20 marzo

Teatro in Pentola è uno spettacolo allestito da dodici detenute della Casa Circondariale di Bollate a Milano. Organizza l’associazione Arte in Tasca con la collaborazione del teatro Carcano. Il gruppo è stato chiamato Voci tra le righe e si tratta della prima compagnia teatrale carceraria tutta al femminile. Teatro in tasca è frutto di un laboratorio teatrale che le attrici hanno frequentato da gennaio a febbraio 2013. Lo spettacolo debutta il 20 marzo 2013, per un pubblico limitato.

2603

Abc la sapienza in tavola cucina per Circolo del Ministero degli Affari Esteri
2012 | 22 novembre

1511

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.R. di Milano Bollate,

Teatroterapia d'Avanguardia per intraprendere una pratica conoscitiva attraverso la creatività e la consapevolezza della diversità.


La Cooperativa Cascina Bollate forma detenuti giardinieri che vengono impiegati nella coltivazione di piante e fiori nel vivaio adibito all'interno della Casa di Reclusione di Bollate a Milano.


Abiti esclusivi, portabilissimi che ti chiederanno di essere indossati per ogni occasione. Attenzione alla qualità e sostenibilità sociale. Realizzazione sartoriale e un unico punto vendita a Milano. La Sartoria SanVittore ti aspetta in Via Gaudenzio Ferrari, 3 per proporti abbigliamento ricercato, accessori e abiti da sposa su misura.


Alice è una cooperativa sociale che si è costituita nel 1992. Ha operato nelle sezioni femminili del carcere di San Vittore, di Opera e di Bollate. Scopo e obiettivo della Cooperativa Sociale Alice è il reinserimento lavorativo e sociale di detenuti ed ex detenuti attraverso dei percorsi lavorativi e di formazione. Tra le attività di Alice, c’è un laboratorio di sartoria gestito da detenute ed ex-detenute.


Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio