logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa Circondariale di Rovigo Nuova Sede

Carcere di Rovigo, Casa Circondariale

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 02-07-2017

Strada regionale 443 Dir. n. 2 45100
Rovigo, Emilia-Romagna, Italia

2016

COME FARE


La storia

Il nuovo istituto è stato inaugurato il 29 febbraio 2016 e il 22 maggio successivo è stato completato il trasferimento dei detenuti con la contestuale chiusura della struttura di Via Verdi. Il verbale storico di consegna al Ministero di Grazia e Giustizia è del 15/07/1933, nel Demanio dello Stato è schedato al n° 2, ha superficie coperta di mq 4.000 circa e scoperta di mq 4.300 circa. E' costituito da 4 corpi di fabbricato di cui le 2 sezioni detentive occupano la parte antica, mentre gli uffici e la caserma risalgono agli anni '60. In particolare, la caserma e gli annessi servizi si trovano al piano terra del Palazzo di Giustizia. Trattandosi di struttura antica e in centro città, non dispone di parcheggi per visitatori e fornitori e l'accesso è anche penalizzato dalla dimensione delle strade. La vetustà del complesso richiede continui interventi di manutenzione, fatti parzialmente in previsione dell'apertura del nuovo complesso. Nel gennaio 1982, a seguito di un'azione terroristica con autobomba, evasero alcune detenute politiche, allora infatti, l'istituto aveva anche una sezione femminile, chiusa nell'aprile 2013 ed oggi utilizzata come sezione dimittendi. Il sovraffollamento riprende i medesimi valori medi nazionali; il trattamento è pregiudicato dalla carenza strutturale ma costituisce comunque il principale obiettivo dell'attività intramuraria.

L'istituto precedente, di via Verdi, sorge nel centro storico della città, in un antico convento della fine del XIX secolo. La sede è stata abbandonata nel 2016.

(dal sito Ministero della Giustizia)

Ministero della Giustizia

ROVIGO - Casa circondariale

Il sito

Nessun sito on line

Associazione Antigone

CASA CIRCONDARIALE DI ROVIGO

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

News cultura, arte, teatro, lavoro


La prima consulta dei presidenti comunali di Avis si è tenuta nel carcere di Rovigo
2017 | 16 ottobre

2409

Laboratori a Rovigo. Arriva il progetto di arteterapia il primo con Gianni Cagnoni
2017 | 14 settembre

10772

Arte per la libertà. Un festival in piazza
2016 | 30 giugno - 1, 8 luglio

Arte per la libertà, un festival che accoglie i cittadini di Rovigo per due fine settimana, dal 30 giugno all'8 luglio 2017. Si tratta dell'esordio del festival che celebra i diritti umani curato da Michele Lionello e Melania Ruggini. Musica, teatro, cinema e arte contemporanea racconteranno esperienze e situazioni che non bisogna dimenticare o far finta di non vedere. Venerdì 30 giugno 2017, alle ore 21.00, si parla di carcere con lo spettacolo di Anna Luppi, flautista e autrice che si fa portavoce del Coordinamento dei volontari carcere di Rovigo in collaborazione con Associazione Voci Per la Libertà, Arte per la Libertà, Teatro del Lemming, Centro Servizi Volontariato di Rovigo e Comune di Rovigo. Sabato 1 luglio 2017, alle ore 10.00, si svolge un convegno presso la Sala della Gran Guardia nel quale si affrontano temi di argomento detentivo con la presenza di Livio Ferrari che ha diretto il film Il carcere i piazza, studenti scuole superiori di Badia Polesine - Progetto di sensibilizzazione InfoCarceriamoci; Marco Casellato – responsabile osservatorio carcere della Camera Penale di Rovigo, Giulia Bellinello – garante per i detenuti del Comune di Rovigo, di Amnesty International. Per l'occasione è stata allestita la mostra fotografica “Obiettivo Carcere”.

10668

Il primo torneo di calcio a 5 promosso dal Csi di Rovigo all'interno del nuovo carcere
2017 | 29 aprile

Si svolge nel nuovo carcere di Rovigo un torneo di calcio a 5 su campo sintetico. Organizza la Csi di Rovigo con squadre di detenuti. Il torneo si è svolto nel mese di aprile 2017, su iniziativa del presidente Andrea Denti, è un ulteriore occasione di sport offerta dall'associazione oltre alla sala giochi fornita di ping pong e calcio balilla.

5390

Calcio balilla e ping pong per i detenuti di Rovigo
2017 | 22 febbraio

Il Csi di Rovigo regala una sala giochi attrezzata con un tavolo da ping pong e 3 calcio balilla ai detenuti del carcere di Rovigo. Il presidente dell'associazione Andrea Denti ha fortemente voluto tale iniziativa che no nè la prima. Nell'autunno del 2016 Denti ha iniziato una collaborazione con la direzione del carcere di Rovigo per attivare un corso di arbitri di calcio a 5, con le lezioni di Ciro Liotto. Oltre a fornire ulteriori possibilità di aggregazione, la pratica sportiva, soprattutto con il corso per arbitraggio, offre la possibilità di attivare percorsi di riabilitazione e sensibilizzazione all'osservanza delle regole civili.

5603

27 aprile 2016. È attivo il nuovo maxi carcere di Rovigo
2016 | 27 aprile

27 aprile 2016. È attivo il nuovo maxi carcere di Rovigo che sostituisce la vecchia casa circondariale di via Verdi. Ad oggi sono occupate 13 celle su oltre 100. Vi sono quindi 25 detenuti. Sempre attualmente vi sono due direttori la dottoressa Antonella Forgione e Massimiliano Forgione direttore in missione che si trova ancora la guida del carcere di Sant'Angelo dei Lombardi in provincia di Avellino.

9150

Inaugurazione del nuovo carcere di Rovigo il 29 febbraio 2016
2016 | 29 febbraio

Inaugurazione del nuovo carcere di Rovigo il 29 febbraio 2016. I lavori sono iniziati nel luglio del 2007 durante il governo nel quale era in carica il Guardasigilli Clemente Mastella. Oggi lo inaugura l'onorevole Andrea Orlando. All'inaugurazione sono intervenuti il governatore del Veneto Luca Zaia è il sindaco di Rovigo massimo Bergamin. La struttura si articola su 95000 metri quadrati e potrà accogliere 207 detenuti. Gli ospiti si prevede possano giungere nell'estate 2016. Il complesso era stato completato nel 2013 e secondo le stime ufficiali costato 29 milioni di euro. In seguito era stato abbandonato e la sua attivazione rimandata a data da destinarsi.

9521

Martedì 17 novembre 2015 nel carcere di Rovigo di via Verdi
2015 | 17 novembre

Martedì 17 novembre 2015 nel carcere di Rovigo di via Verdi è stato organizzato uno spettacolo teatrale dal titolo La tempesta su testi di William Shakespeare. Lo spazio teatrale è stato allestito all'interno di quello che ospita solitamente le funzioni religiose. È stato durante un laboratorio nel maggio del 2015 che i detenuti hanno messo in scena lo spettacolo guidati da Alessio Papa e Katia Raguso attori pugliesi del teatro del Lemming di Rovigo.

10195

Lunedì 22 aprile 2013 evento dedicato ai detenuti del carcere di Rovigo di via Verdi.
2013 | 22 aprile

Lunedì 22 aprile 2013 evento dedicato ai detenuti del carcere di Rovigo di via Verdi. Sede dell'evento è l'associazione Namasté in piazza delle orchidee presso l'ex scuola materna quartiere La Rosa a Brindisi promotore dell'evento è il danzatore e coreografo di Brindisi Vito Alfarano che ha lavorato all'interno del carcere di Rovigo di via Verdi con un laboratorio artistico. Il progetto si chiama Oltre i confini ed è stato attivo dal 2008 al 2010. Durante il laboratorio i detenuti sono stati condotti da Vito Alfarano verso conoscenza di sé e nel gruppo attraverso l'utilizzo di linguaggi teatrali di movimento e di musica. Durante il dibattito sarà possibile vedere il video che raccoglie La testimonianze dei lavori realizzati nei tre anni con l'Associazione Balletto città di Rovigocompagnia Fabula Saltica. Il video si intitola Il rumore dell'amore ed è stato realizzato nel 2008 riprendendo uno spettacolo di danza ispirato a Paolo e Francesca. Invece Dietro al ritratto è una serie di autoritratti dal carcere realizzati in video installazione proiettata su edifici in centro città nel quale 12 detenute e detenuti siedono davanti ad un muro di domande e raccontano la propria esperienza. Il mio grido è un videoclip realizzato nel 2010 che cerca di rappresentare un grido interiore all'uomo posto in situazione di solitudine e prigionia.

8918

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.C. di Rovigo,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio