logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa Circondariale di Padova a custodia attenuata

Carcere di Padova, Casa Circondariale a custodia attenuata ICATT

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 11-06-2016

Via Due Palazzi, 25 CAP 35136
Padova, Veneto, Italia

1971

COME FARE


La storia

L’istituto è stato costruito all’inizio degli anni ‘60 ed aperto tra il ‘68 e il ‘71. La struttura ha rilevato il vecchio carcere giudiziario, noto come “Paolotti”, situato nella zona degli ospedali padovani, accogliendo, negli anni, tutti gli arrestati del circondario, con una capienza originaria di circa 100 persone. Dopo la riforma dell’ordinamento penitenziario del ‘75 è stato dotato di un reparto di semilibertà. Dopo l’apertura della Casa di Reclusione, a cavallo tra il 1990 e il 1991, il Reparto semilibertà è stato chiuso e trasferito nella nuova struttura detentiva. La zona dedicata a tale reparto è stata ristrutturata ed ha accolto per circa 17 anni i locali dell’infermeria dell’istituto. Allo stato questa struttura è stata dismessa in attesa di ristrutturazione. Il progetto non è stato ancora finanziato. L’edificio originario, la cui ristrutturazione è stata recentemente completata, ospita attualmente un reparto a custodia attenuata per tossicodipendenti in cui sono ubicati detenuti selezionati provenienti dal distretto del Triveneto.

(dal sito Ministero della Giustizia)

Ministero della Giustizia

PADOVA - Casa circondariale

Il sito

Nessun sito online

Associazione Antigone

ISTITUTO Casa Circondariale di Padova

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

News cultura, arte, teatro, lavoro


Dentro e fuori dal carcere non per recidiva ma per lavoro: la rieducazione al Due Palazzi
2016 | 24 maggio

Al via l'inserimento lavorativo di dieci detenuti dell'ICAT con la Cooperativa Solidarietà per la prima esperienza del nuovo progetto rieducativo in Triveneto

10239

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.R. di Padova ICATT,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio