logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa Circondariale di Rimini

Carcere di Rimini Casetti, Casa Circondariale

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 25-06-2017

Via S. Cristina, 19 CAP 47037
Rimini, Emilia Romagna, Italia

1970

COME FARE


La storia

La casa circondariale di Rimini è una struttura penitenziaria costruita negli anni '70 del secolo scorso.

(dal sito Ministero della Giustizia)

Anno di costruzione e anno di consegna: anni settanta. Vi sono costruzioni successive fatte nel 1994-1995. Nei nuovi stabili trovano attualmente dislocazione la Direzione, la Caserma della Polizia Penitenziaria dotata di spaccio aziendale e mensa. E' stata di recente (tra il 2009 e il 2010) costruita una nuova sala per gli incontri con gli avvocati, molto luminosa e spaziosa. Il reparto Cassiopea è stato appena ristrutturato ed è un nuovo reparto a custodia attenuata.

Ultima modifica: 8.7.2014 . Osservatori: Giulia Fabini e Elia De Caro

(Osservatorio Antigone on line)

Ministero della Giustizia

RIMINI - Casa circondariale

Il sito

Nessun sito online

Associazione Antigone

CASA CIRCONDARIALE DI RIMINI

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

News cultura, arte, teatro, lavoro


Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera, visita il carcere di Rimini
2017 | 28 luglio

9995

Non me la racconti giusta. Street art nel carcere di Rimini
2017 | 26 giugno - 1 luglio

Non me la racconti giusta” è il titolo di una iniziativa realizzata nel carcere di Rimini dal 26 giugno al 1 luglio 2017, a cura del magazine web Ziguline, con gli street artist del Collettivo FX e NemO's e con la documentazione del fotografo e videomaker Antonio Sena. Lo stesso progetto è stato realizzato nel carcere di Ariano Irpino e nel carcere di Sant'Angelo dei Lombardi. Gli artisti che partecipano al progetto sono Filippo "Mozone" Tonni, Collettivo FX che ha già operato all'interno del carcere di Reggio Emilia, nel 2016, organizzando corsi di disegno e murales nel carcere di Ragusa; Nemo's che lavora con ragazzi, ha collaborato con altre carceri proponendo corsi di disegno per i detenuti; Maria Caro, direttore editoriale del magazine web Ziguline, Antonio Sena, membro dl collettivo Boca e direttore artistico del festival arte urbana Bag Out 16; l'Associazione il Palloncino Rosso che si occupa di economia condivisa e coworking; Antonio Libutti, docente e regista che si occupa di street art, ha partecipato al progetto in qualità di mediatore. Il format prevede una progettazione condivisa con un gruppo di detenuti che si occuperanno di tutte le fasi che porteranno alla realizzazione di un intervento di arte urbana in uno spazio interno del carcere di Rimini.

3301

Festa nel carcere di Rimini per inaugurare lo spazio verde
2016 | 18 luglio

Il 18 luglio 2016 è stato inaugurato il nuovo spazio verde nel carcere di Rimini, grazie al lavoro di Soroptimist International, che permetterà un colloquio familiare più sereno tra detenuti e minori. Durante l'evento sono stati consegnati i diplomi di scuola media e di corso di Pizzaiolo. Si sono anche esibiti i corsisti dell'attività cinofila organizzato dagli Istruttori della Scuola Nazionale per le Unità Cinofile di Soccorso.

10436

Rimini, l’ex scuola elementare di Santa Cristina concessa per altri dieci anni al carcere
2016 | 7 giugno

Una proroga per concedere ulteriori 10 anni in concessione gratuita la struttura della ex scuola elementare di via Santa Cristina alla Casa Circondariale di Rimini per ospitare i detenuti in regime di semilibertà. La struttura è destinata a questo uso dal 1984 e attualmente accoglie 5 detenuti, contro circa i 100 che scontano il regime di ordinaria detenzione nel carcere di Rimini.

3980

Caffè Corretto, uno spazio per confrontarsi e socializzare nel carcere di Rimini
2016 | 12 maggio

Maggio 2016Caffè Corretto è il nome di uno spazio dedicato a momenti di confronto e di incontro organizzato per far socializzare i detenuti e permettere loro di interagire in un contesto meno strettamente detentivo. Gli incontri sono gestiti da un operatore della Caritas e si terranno ogni martedì dalle 13 alle 15. Il finanziamento proviene dal Comune di Rimini nell'ambito del Piano di Zona per la Salute e il Benessere Sociale gestito in carcere dell’associazione Madonna della Carità e dai volontari del progetto “sportello carcere – centro di ascolto”.

10148

I papà del carcere di Rimini
2016 | 18 marzo

Le associazioni che si occupano di attività sociali nel carcere di Bologna “Madonna della carità” e “Papillon” hanno organizzato ls festa del Papà. Durante l'evento una ventina di papà detenuti presenteranno le cornici artigianali realizzate durante i laboratori portati avanti con le educatrici del Centro per le Famiglie del Comune di Rimini. I bambini verranno accolti dall'Associazione Papillon che forniranno ai figli le magliette da consegnare al genitore durante lo scambio dei doni.

8990

Monologhi in carcere
2015 | 15 dicembre

Gli insegnanti dell’associazione Klangwelt hanno selezionato otto monolighi, interpretati da altrettanti detenuti del carcere di Rimini per lo spettacolo finale andato in scena il 15 dicembre 2015. E' giunto al termine il laboratorio teatrale che è stato condotto da ottobre a dicembre 2015 con 9 partecipanti selezionati a partire da circa venti detenuti del carcere di Rimini che, attraverso esercizi di tecniche vocali si sono avvicinati alla dizione in lingua italiana. Il laboratorio è parte del progetto Caffè Corretto, uno spazio gestito dell’Associazione di volontariato Madonna della Carità, che si svolge tutti i martedì dalle 13 alle 15.

8906

La regista Ute Zimmermann guida il laboratorio teatrale liberi sul palco
2015 | 27 ottobre

Spettacolo teatrale nel carcere dei Casetti di Rimini al termine del laboratorio di teatro che si è svolto, da giugno 2015, nella chiesetta del carcere 2 volte a settimana per 2 ore. I partecipanti sono stati 20 uomini dai 19 ai 50 anni, di diverse nazionalità, che si sono preparati con esercizi di teatro per corpo e voce. Inizialmente il gruppo, guidato dalla regista Ute Zimmermann, ha pensato a una rielaborazione di Shakespeare. Con l'andare del tempo è stato scelto di scrivere un testo nuovo che parlasse di viaggio. Martedì 20 ottobre 2015 nella chiesetta del carcere di fronte a un pubblico di 20 persone è andato in scena lo spettacolo Frammenti di un viaggio nel quale 10 attori, con in mano delle valigette, hanno percorso il palco raccontando il loro viaggio dialogando tra loro e con il pubblico. Sul fondo una scenografia costruita con grandi sagome colorate realizzate dagli stessi detenuti. Il laboratorio è stato finanziato all’interno del progetto Casa dell’Intercultura dei piani di zona del Comune di Rimini e coordinato da Valentina di Cesare, coordinatrice della scuola lingua di italiana per migranti adulti dell’associazione Arcobaleno di Rimini.

9734

Prima giornata nazionale scuola carcere a Rimini
2013 | 15 novembre

Conferenza Volontariato e Giustizia promuove presso l'I.T. Valturio di Rimini un incontro in occasione della prima Giornata Nazionale dedicata all'incontro tra scuola e carcere. La Prison Culture si apre al mondo della Scuola considerato da sempre il primo interlocutore per il dialogo sociale sulla detenzione. L'Associazione “Madonna della Carità” partecipa all'incontro portando la sua esperienza di operato con il progetto Sportello Carcere nell'Istituto di Rimini Casetti.

3219

Una rubrica sul quotidiano La Voce per i detenuti del carcere di Rimini
2013 | 31 luglio

Le Associazioni di Volontariato che operano all'interno del carcere di Rimini in collaborazione con il Comune e il quotidiano La Voce daranno la possibilità ai detenuti del carcere della città di far sentire la loro voce attraverso uno spazio a loro dedicato. Questa iniziativa vuole creare un ponte virtuoso di scambio informazioni tra i la realtà del carcere e quella del mondo esterno. Notizia del 31 luglio 2013.

2971

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.C. di Rimini,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio