logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa di Reclusione della Gorgona

Carcere di Gorgona isola, Casa di Reclusione - ICATT

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 05-04-2017

Via dell’Orologio CAP 57030
Gorgona, Toscana, Italia

1869

COME FARE


La storia

L'isola di Gorgona si trova nel Mar Ligure, di fronte a Livorno, a 37 Km dalla costa. Lunga 3 chilometri e larga circa 2, con i suoi 220 ettari è la più piccola dell'Arcipelago Toscano. È una frazione del Comune di Livorno, fa infatti parte della II Circoscrizione. L'intera isola è a disposizione dell'Istituto penitenziario. E' possibile trovarvi aree terrazzate e coltivate (uliveto e vigneto), pascolo ecc. Le principali costruzioni presenti sull'isola sono dislocate sul versante del porticciolo. Salendo verso la Torre Medicea (oggi sede della direzione dell'Istituto) si trovano delle abitazioni destinate agli alloggi del personale dell'Amministrazione Penitenziaria. Il territorio dell'isola è di proprietà del demanio e dato in concessione al Ministero della Giustizia. Al di sopra della Torre Medicea sono collocati alcuni magazzini ed altri alloggi. Sullo stesso versante vi sono due sezioni di detenzione. Il più grande dei due reparti detentivi è Capanne, che ospita la maggior parte dei detenuti. C’è poi un reparto più piccolo, noto come Transito, in cui si trovano i detenuti ammessi al lavoro all’esterno. Per l’accesso all’isola vi è un collegamento giornaliero garantito dalle imbarcazioni della Polizia Penitenziaria (a condizioni meteomarine favorevoli) riservato ai dipendenti dell'Amministrazione Penitenziaria e a quanti sono autorizzati ad accedere all’isola. Il sabato, giorno di colloqui, la motovedetta della polizia penitenziaria trasporta i familiari dei detenuti.

(dal sito Ministero della Giustizia)

Gorgona è attualmente sede di una colonia penale, realizzata come succursale di quella di Pianosa nel 1869. La reclusione in questo penitenziario rappresenta sotto certi aspetti uno stato di privilegio in quanto tutti gli "ospiti" hanno la possibilità di lavorare e di percepire uno stipendio.

Le attività riguardano l'agricoltura, allevamento di tutte le specie domestiche, un impianto di acquacoltura, la produzione e la trasformazione dei prodotti di origine animale e vegetale (latte, formaggi, carne, salumi, uova, ortaggi, mie le, vino, olio,e cc.). Gli animali sono curati con la medicina omeopatica e questo ha comportato tutta una serie di vantaggi sia di tipo clinico che economico, ambientale (assenza di residui chimici) e relazionale (contatti e scambi con persone e aziende).

Molte altre attività  sono svolte per garantire la gestione dell'isola e la manutenzione di strutture e impianti (falegnameria, impiantistica elettrica e idraulica, officina meccanica, panificio, ecc.). La qualità della vita sull'isola è molto alta e Gorgona rappresenta una delle realtà detentive più significative e interessanti a livello nazionale.

Nel corso degli anni l'isola è stata visitata da migliaia di persone che, oltre a vedere gli straordinari aspetti naturalistici, hanno anche potuto verificare l'importanza del lavoro con gli elementi naturali (piante e animali).

Ogni settimana un veterinario (Dr. Marco Verdone) e un agronomo (Dr. Francesco Presti) visitano regolarmente l'azienda e seguono insieme agli agenti di polizia penitenziaria il lavoro dei detenuti con animali e piante.

(fotolivorno.net - 2016)

Ministero della Giustizia

LIVORNO Gorgona - Casa di reclusione - (Sezione custodia attenuata C.C. Livorno)

Il sito

Nessun sito online

Associazione Antigone

CASA DI RECLUSIONE DI GORGONA - Maschile

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

News cultura, arte, teatro, lavoro


In piazza contro la macellazione degli animali dell’isola-carcere Gorgona
2016 | 18 giugno

Gorgona è l’ultima isola carcere dell’arcipelago toscano. Sull'isola è presente una colonia penale agricola nella quale i detenuti si occupano di agricoltura, con punte di eccellenza vedi la collaborazione con la ditta Frescobaldi, e allevano animali. Il veterinario che fino a poco tempo fa si è occupato degli animali della colonia penale e Marco Verdone, animalista e omeopata. Adesso è stato trasferito come il direttore Carlo Mazzerbo considerato una direttore aperto e illuminato. Gli animali sull'isola della Gorgona hanno, finora, ha avuto un veterinario molto attento alla loro salute e alla loro incolumità. Proprio nel 2014 in questa isola carcere è stato avviato un progetto pedagogico incentrato sulla non violenza. La naturale evoluzione di questo progetto ha portato alla decisione di chiudere il macello presente sull'isola, decisione presa dal direttore e dal veterinario. A Pasqua del 2016, con il nuovo direttore, il macello è stato riaperto e con lui le polemiche che portano ad interrogarsi sul fatto che una filosofia del trattamento della pena, che parte della non violenza, non può convivere con questo tipo di attività. È stata la scrittrice Susanna Tamaro che sulle pagine del Corriere della Sera ha sollevato la questione morale. Sabato 18 giugno 2015 a Livorno si è tenuta una manifestazione per chiedere la chiusura del vecchio macello e riprendere il percorso educativo sulla non violenza verso uomini e animali.

4441

L’appello per l’isola di Gorgona
2016 | 29 maggio

10290

Sull'isola carcere della Gorgona animali e uomini vivono in perfetta armonia.
2015 | 23 luglio

Appello di personalità del mondo della cultura e dello spettacolo per l'isola carcere della Gorgona: l’isola delle buone pratiche nella relazione umano-animale.

6225

L'isola delle bestie. 25 anni vetetinario nell'isola carcere della Gorgona
2015 | 10 luglio

Il libro "L'Isola delle Bestie", è stato scritto da Marco Verdone, medico veterinario omeopata, ha avuto in cura per oltre 25 anni gli animali dell'isola-carcere di Gorgona.

5940

Carcere della Gorgona, la colonia penale italiana.
2015 | 9 giugno

Gorgona è l'ultima isola-penitenziario d’Italia, la minore del comprensorio del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. 

5752

Diritto all'affettività in carcere. Sperimentazione nel carcere della Gorgona
2015 | 15 aprile

Aprile 2015. Il garante dei detenuti della Toscana Franco Corleone dopo aver visitato il carcere della Gorgona, dove sono recluse 58 persone, ha pensato di sperimentare per prima in questa struttura le visite familiari che rientrano nel diritto all'affettività del detenuto. Insieme a lui il garante dei detenuti di Livorno, Marco Solimano. Implementare la vocazione turistica dell'isola a livello ambientale, sociale e culturale sarebbe un passo in più verso la sua riqualificazione che potrebbe beneficiare di interventi istituzionali per incentivare soggiorni formativi e professionali affidando l'accoglienza ai detenuti.

5056

Andrea Andrea Bocelli firma l'etichetta del vino del carcere della Gorgona
2014 | 27 giugno

Il maestro Andrea Bocelli ha scritto un testo e firmato l'etichetta della nuova produzione del vino Frescobaldi per Gorgona, progetto nato nell'agosto del 2012 per dare occupazione ai detenuti dell'isola.

4404

Storie di vita nella Casa di Reclusione di Gorgona
2014 | 4 maggio

Maggio 2014. Presso la Casa di Reclusione di Gorgona, dove i detenuti sono occupati in lavori di agricoltura e accudimento di bestiame, Marco Verdone è il veterinario omeopata che segue gli animali e si assicura del loro benessere. Recentemente uno dei suoi animali assistiti, una scrofa, destinata al macello, è stata graziata perché rinvenuta semiparalizzata. All'animale è stato attribuito lo status di animale rifugiato e cooperatore del trattamento della pena dei detenuti. In seguito alle cure l'animale è guarito ed ha ripreso a camminare.

3754

Gorgona: dalla casa di reclusione il vino firmato Frescobaldi
2013 | 30 maggio

Presentato il 30 maggio 2013, al Mu.Cri, il Museo Criminologico di Roma, il progetto “Frescobaldi per Gorgona” alla presenza del Ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri. Protocollo di intesa tra la Direzione della casa di reclusione di Gorgona e Marchesi de’ Frescobaldi, azienda di vini toscana per la formazione enologica dei detenuti attraverso personale esperto in agronomia ed enologia.

2780

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.R. di Gorgona,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio