logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa Circondariale di Cassino San Domenico

Carcere di Cassino, Casa Circondariale San Domenico

Scritto da: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 18-04-2017

Via Sferracavalli, 221 CAP 03043
Cassino, Lazio, Italia

1950

Un laboratorio teatrale per i detenuti del carcere di Cassino
2016 | 15 giugno

Alla ricerca del tempo perduto è lo spettacolo che gli attori detenuti della Casa Circondariale di Cassino hanno portato in scena il 15 giugno 2016. Ha assistito allo spettacolo la dottoressa Emilia Zarrilli, prefetto di Frosinone, che ha incontrato i protagonisti per complimentarsi con loro. Lo spettacolo, ispirato all'opera narrativa di Marcel Proust, è nato all'interno del progetto LeTeatroCose-La Memoria coordinato dall’associazione MUSES e finanziato dalle Officine di teatro sociale della regione Lazio. Allo spettacolo è stato presente anche il regista Fabio Cavalli che che lavora con i detenuti del carcere di Roma Rebibbia.

6649

Nel carcere di Cassino uno spettacolo teatrale in dialetto
2016 | 26 febbraio

Teatro in dialetto per i detenuti del Carcere di Cassino, venerdì 26 febbraio 2016, del Gruppo Teatrale “Castrum Coeli”, che ha recitato “…Né a me, né a te…”. Sì è trattato di una commedia in tre atti di Aurora e Isabella Di Murro, che racconta lo screzio tra due cugini per l'eredità dello zio americano. Ha organizzato lo spettacolo la dottoressa Irma Civitareale, direttrice del carcere di Cassino, insieme ad Anna Guglielmi dell’Area Giuridico-Pedagogica. Ha recitato la Compagnia teatrale di Castrocielo diretta da Aurora di Murro. Nell'occasione sono avvenute le estrazioni per il torneo di calcio che sarà organizzato nel marzo 2016.

8806

Liber Liberanti č un progetto, diretto da Francesca Rotolo
2015 | 13 giugno

Liber Liberanti è un progetto, diretto da Francesca Rotolo, attivo per un anno nel carcere di Cassino e finanziato dalla Regione Lazio attraverso Io leggo, un bando che ha permesso di pensare ai tanti genitori, ospiti, del carcere e ai loro figli. Protagoniste assolute sono le fiabe lette dall'attrice Bianca Nappi all'interno di un reading e raccontate ai propri figli sabato 13 giugno 2015, durante una festa in carcere. I libri sono un omaggio di due case editrici. Il progetto è finalizzato a proporre la cultura come uno strumento per riflettere sulla propria esperienza e sulla propria genitorialità, anche nella prospettiva del dopo pena. Paola Iacobone da esperta di teatro sociale sottolinea il ruolo della lettura in senso conoscitivo e opera per potenziare i rapporti con la rete tra Comune, carcere e Biblioteca e per incrementare il numero di volumi da offrire alla lettura dei detenuti. La direttrice del carcere, Irma Civitareale, ha fortemente voluto che ai detenuti ospiti del carcere che dirige fosse data la possibilità di partecipare a questa esperienza formativa, che diventerà un cd nel quale verranno pubblicati tutti i reading.

5721

150 T-Shirt ai detenuti del carcere di Cassino
2015 | 8 maggio

Venerdì 8 maggio 2015, l’associazione Il Sole splende per tutti con il suo presidente Bruno Della Corte, accompagnato dalla volontaria Valentina Tomasso, con l'aiuto di Paola Caramadre ha consegnato 150 t-shirt in favore dei detenuti del carcere San Domenico di Cassino. L'evento si è svolto nel cortile interno dell’istituto di detenzione alla presenza degli operatori del carcere e della direttrice Irma Civitareale che favorisce da sempre progetti ponte tra il territorio e la casa circondariale di Cassino.

5875

La storia

La casa circondariale di Cassino è stata aperta nei primi anni '50.

(dal sito Ministero della Giustizia)

Ministero della Giustizia

CASSINO - Casa circondariale

Il sito

Nessun sito online

Associazione Antigone

CASA CIRCONDARIALE CASSINO

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.C. di Cassino,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio