logo

LE CARCERI ITALIANE

DETENZIONI - PRISON

Carcere minorile di Roma, Istituto di Pena Minorile di Casal del Marmo

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 02-05-2017

Via G. Barellai, 140 CAP 00135
Roma, Lazio, Italia

1950 | anni

COME FARE


La storia

L’istituto si sviluppa su una vasta area, disponendo in totale di 12 mila metri quadrati. La costruzione risale agli anni ’50 del secolo scorso.

(Osservatorio Antigone on line)

Ministero della Giustizia

Le strutture minorili

Il sito

Nessun sito online

Associazione Antigone

Istituto penale maschile e femminile per i minorenni Casal del Marmo di Roma

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

News cultura, arte, teatro, lavoro


Progetto fidelio. Recuperare con la musica
2017 | 8 agosto

10843

Il premio Massimo Troisi – Città di Taranto, con una sezione per i detenuti
2017 | 28 giugno

Per la prima edizione del Premio Nazionale Massimo Troisi c'è anche spazio per la premiazione di poesie scritte nelle carceri italiane.

10664

Un pastificio nel minorile di Casal del Marmo
2015 | 14 ottobre

14 ottobre 2015. La notizia è gustosissima e, in questo caso, nel vero senso della parola. Nel carcere minorile di Casal del Marmo a Roma si annuncia l'apertura di un pastificio ad opera dei pastai di Aidepi (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) con a capo il loro presidente Paolo Barilla. Il progetto Le Mani in Pasta è stato presentato in occasione della visita che l'associazione ha compiuto al cospetto di Papa Francesco, insieme al cappellano del minorile di Casal del Marmo, padre Gaetano Greco, fondatore della Casa accoglienza per giovani ex detenuti Borgo Amigò. Le Mani in Pasta è una iniziativa che, come altre nelle carceri italiane, utilizza lo strumento dell'alimentazione e della cucina come possibilità di formazione e riabilitazione in contesti di devianza, per riportare giovani e no verso esperienze di professionalità e maggiore motivazione esistenziale. Lo stesso titolo del progetto allude ad una filosofia trattramentale riparativa che parte da una situazione svantaggiata, quale quella della detenzione, per utilizzare il tempo del carcere come momento di crescita esistenziale e professionale.

9785

Un corso di arbitri per per i ragazzi del carcere minorile di Casal del Marmo a Roma
2013 | 18 novembre

Novembre 2013. Per trasformare il calcio in strumento di riabilitazione e inclusione si è messo insieme uno staff di preparatori atletici, psicologi e un medico per far diventare circa venti ragazzi, ospiti dell'Istituto di Pena Minorile di Casal del marmo, allenatori di calcio per bambini. Il progetto, che utilizza il liguaggio universale del calcio, è promosso dalla Figc Lazio in accordo con la direzione del carcere minorile di Roma. Il corso per arbitri rappresenta una novità rispetto alle molte iniziative che riguardano lo sport e soprattutto il calcio che, solitamente, viene utilizzato per organizzare momenti di aggregazione come tornei aperti anche a scuole esterne. In questo caso si è deciso di dare maggiore importanza all'aspetto normativo del gioco per stimolare nei giovani partecipanti, soprattutto nordafricani e rumeni, il rispetto delle regole, funzionali ad una sana competizione. Da molte fonti giornalistiche il carcere minorile di Casal del Marmo è considerato il miglior istituto di Pena Minorile italiano, all'interno del quale si occupano molte risorse per la salute e la crescita formativa degli ospiti. Questa attenzione si rivela anche con questo corso di formazione arbitrale che terminerà a fine gennaio 2014 con la consegna degli attestati da parte del presidente della Figc settore giovanile e scolastico, Luca Pancalli. I giovani potranno, una volta liberi, partecipare ad un corso organizzato da Coni Figc per allenatore di base.

3273

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / I.P.M. Casal del Marmo di Roma,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio