logo

LE CARCERI ITALIANE

Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli

Carcere di Pozzuoli, Casa Circondariale femminile

Scritto da: Marco Rabino

Pubblicato il: 01-07-2017


Pozzuoli, Campania, Italia

1600

COME FARE


La storia

Struttura risalente al XVIII secolo, in origine un convento successivamente adibito a manicomio giudiziario e poi a casa circondariale femminile.

(dal sito Ministero della Giustizia)

Ministero della Giustizia

POZZUOLI - Carcere circondariale femminile

Il sito

Nessun sito online

Associazione Antigone

Casa Circondariale Femminile di POZZUOLI - NAPOLI

Wikipedia

Nessun contenuto su Wikipedia

News cultura, arte, teatro, lavoro


Danza terapia nel carcere di Pozzuoli con il progetto Sprigionate
2017 | 16 ottobre

2400

Bordello di mare con città al Teatro Vascello già portato in scena nel carcere di Pozzuoli
2017 | 27 settembre

2492

Danze orientali nel carcere di Pozzuli. Presentazione del libro curato da Annalisa Virgili e Ornella d’Anna
2017 | 20 settembre

10767

Festa della Musica 2017. Nel carcere femminile di Pozzuoli si esibisce Lino Blandizzi
2017 | 21 giugno

La Giornata Internazionale della Musica viene celebrata in molte carceri italiane e apprezzata dalla popolazione detenuta femminile e maschile. A portare una ventata di speranza e serenità nel carcere femminile di Pozzuoli ci ha pensato Lino Blandizzi con un concerto il 21 giugno 2017, alle 15.30. I brani con implicazioni sociali, che il cantautore ha composto in questi anni, sono stati apprezzati dalle detenute che hanno cantato insieme a Blandizi le canzoni, a partire dalla prima intitolata "Nessuno è più diverso", quasi una dichiarazione poetica che introduce l'intero concerto. Lino Blandizzi non è nuovo ad una performance carceraria, nel carcere di Pozzuoli ha già cantato e proprio con le detenute che assistono al suo spettacolo ha intrapreso un percorso laboratoriale dal titolo Vocisospesedidonne, un progetto musicale nel quale le donne hanno la possibilità di rivedere la propria esperienza e trasformarla in canzone. Tempo fa Blandizzi ha partecipato ad un laboratorio di lettura e scrittura creativa dal titolo San Suu Kyi che, sicuramente è stato una preziosa risorsa per tutte le sue partecipanti. Soddisfatti gli operatori del carcere a partire dalla direttrice del carcere di Pozzuoli, la dottoressa Stella Scialpi, il comandante della polizia penitenziaria Fortuna Paudice. Come sempre da segnalare la preziosa collaborazione del personale dell'area trattamentale, gli educatori Cinzia Ciarlegio e Maurizio Cozzolino, e dell'intero corpo di sorveglianza.

10657

Il caffè delle Lazzarelle dal carcere di Pozzuoli a Formia agrigelateria Gretel Factory
2017 | 30 marzo

5490

Dal Re... a Me. Lo spettacolo di Antonio Ottaiano a Pozzuoli
2017 | 30 marzo

30 marzo 2017. Antonio Ottaiano, attore e cantante della grande tradizione napoletana e collaboratore e amico dello scomparso Mario Merola, ha offerto una rappresentazione del suo ultimo spettacolo “dal Re... a Me”, esempio di Sceneggiata alle detenute del carcere di Pozzuoli. Lo spettacolo è stato organizzato da Vincenzo Polverino e Gianpaolo Malfi ed introdotto da Mario Guida, scritto da Mario Merola con Gigi Savoia, il regista che ha guidato la regia compagnia di tanti attori, tra i quali, Maria Del Monte, Mario Aterrano e Raimondo Salvetti. Lo spettacolo nella Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli ha commemorato la Quarta Giornata Nazionale del Teatro in Carcere indetta dal Coordinamento nazionale teatro in carcere insieme al direttore dell'istituto, la dottoressa Stella Scialpi ed il Commissario Capo della Polizia Penitenziaria, Comandante, Fortuna Paudice.

9917

Il laboratorio di Marinella nel carcere femminile di Pozzuoli
2017 | 15 marzo

Bella notizia e grande opportunità per la Casa Circondariale femminile di Pozzuoli. Il 15 marzo 2017 si annuncia l'allestimento di un laboratorio di sartoria interno al carcere per conto del celebre brend Marinella di Napoli. Il protocollo d'intesa è stato firmato da Santi Consolo, Capo del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, Maurizio Marinella, amministratore unico della E. Marinella srl e Dario dal Verme, amministratore unico della Maumari srl. Il progetto coinvolge l'amministrazione penitenziaria direttamente dal suo vertice istituzionale poiché prevede un laboratorio di produzione di cravatte in dotazione alla Polizia Penitenziaria e di altre da utilizzare come presenti di rappresentanza dell'amministrazione. Maurizio Marinella, attraverso il suo personale specializzato, si occuperà della progettazione del laboratorio, della formazione delle detenute impiegate e dell'organizzazione dell'intero ciclo produttivo. Il lavoro detentivo, in questo caso, permette, come sostiene Santi Consolo, di perseguire più vantaggi contemporaneamente, realizzando economie di spesa, momenti formativi, opportunità di lavoro durante la detenzione e possibilità di trovare lavoro al termine dell'esecuzione della pena. Essenziale è il sostegno e l'apporto del mondo imprenditoriale che, spesso, risulta di alto profilo e altamente qualificante.

5345

Cucine galeotte
2016 | 14 luglio

10023

Rassegna di Teatro Amatoriale del Teatro Augusteo. In scena anche le donne del carcere di Pozzuoli
2016 | 23 maggio

10234

La fortuna con la f maiuscola. Nel carcere di Pozzuoli si recita Eduardo
2016 | 21 maggio

10214

Abiti da sera nel carcere di Pozzuoli
2016 | 6 maggio

Carcere femminile Pozzuoli: il progetto “È moda” arriva al suo terzo anno di attività. 

10109

Casa Donna Nuova. Una casa famiglia per accogliere le detenzioni alternative
2015 | 27 novembre

9572

Dentro e fuori. Lettere dal carcere. Un libro per raccontare la realtà del carcere di Pozzuoli
2015 | 24 novembre

9605

La storia di Maria Concetta Cacciola in scena nel carcere di Pozzuoli
2015 | 18 settembre

6411

L'alta moda sfila in passerella nel carcere femminile di Pozzuoli
2015 | 26 marzo

5310

Nel carcere di Pozzuoli va in scena il Valsusa Filmfest
2014 | 12 aprile

Il XVIII Valsusa Filmfest ha destinato un progetto dedicato agli spettatori detenuti intitolato 'Corti Dentro' rivolto alla popolazione delle carceri di Fossano e Pozzuoli. Il 12 aprile 2014 la giuria composta da detenute del carcere di Pozzuoli assisterà alla proiezione, contemporaneamente ai detenuti del carcere di Fossano, del documentario 'Se io fossi acqua' di Massimo Bondielli. La votazione avverrà tramite il canale voip Skype.

3706

Il libro sull'ergastolo ostativo presentato nel carcere femminile di Pozzuoli
2014 | 13 marzo

Giovedì 13 marzo 2014, alle ore 9.30 si è svolta la presentazione del libro “Fine pena mai” di Tina Cioffo, Alessandra Tommasino e Francesco Diana, all'interno della Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli, per l'occasione sono entrati nel carcere anche gli studenti dell’Isis Tassinari. L'evento è stato organizzato dal presidio di Libera Campi Flegrei, dedicato a Daniele Del Core.

3581

Il cantautore Lino Blandizzi si è esibito nel carcere femminile di Pozzuoli
2014 | 24 gennaio

Musica e poesia musicale per le detenute del carcere di Pozzuoli grazie al cantautore Lino Blandizzi che ha offerto un doppio appuntamento per il suo pubblico femminile. Il primo momento, particolarmente sentito visto la data, è stato il concerto della vigilia di Natale 2013. Il ritorno di Lino Blandizzi avviene in occasione del corso di lettura e scrittura organizzato da Lina Spento, Maria Gaita e Francesca di Bonito, insieme ad altre volontarie. L'incontro nasce dalla lettura del libro “Quattordici” di Matilde Iaccarino che ha dialogato con il pubblico delle detenute. Lino Blandizzi ha chiuso l'incontro presentando il brano “Nessuno è più diverso”, composto insieme agli alunni dell’Istituto Superiore Pitagora di Pozzuoli nell'ambito del laboratorio musicale.

3359

In mostra le foto delle detenute del carcere di Pozzuoli che hanno frequentato il corso per pizzaiolo
2013 | 7 dicembre

Le detenute del carcere di Pozzuoli sono protagoniste di una mostra fotografica allestita presso la  Biblioteca Nazionale di Napoli che si inaugura sabato 7 dicembre 2013,  alle ore 10,30. Le fotografie sono state realizzate da Gilda Valenza che ha raccontato la detenzione al femminile con un percorso intitolato “La menzogna sta nelle cose non fotografate”. Le detenute sono state riprese durante il corso guidato dal maestro pizzaiolo Enzo Coccia, con la finalità di offrire nuove opportunità esistenziali alle donne della struttura penale di Pozzuoli. Le attività sono state promosse e sostenute dalla direttrice del carcere di Pozzuoli, la dottoressa Stella Scialpi. il corso per pizzaiolo è giunto al secondo anno ed è seguito con grande interesse dalle aspiranti anche grazie all'organizzazione della funzionaria Adriana Intilla.

3311

Uno spettacolo ed un dibattito nel carcere di Pozzuoli
2013 | 17 maggio

Il teatro della Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli ospiterà venerdì 17 maggio 2013, dalle ore 15.30, lo spettacolo teatrale “Edonè, le inattese gradazioni della gioia”. Reciteranno le donne detenute all'interno della Casa Circondariale coordinate dalle docenti del corso “Educazione Degli Adulti”, nell'ambito del progetto “contaGIOIAmoci” della Fondazione Il meglio di te Onlus e di Luciana Pennino. Il laboratorio che ha portato alla realizzazione dello spettacolo ha trattato il tema della gioia che è stato analizzato e interpretato dalle ospiti della Casa di reclusione femminile. Il progetto ha ottenuto il patrocinio di Regione Campania, Comune di Napoli, Comune di Pozzuoli, aderiscono di Cgil, Cisl, Uil Napoli e A.N.F.I. Campania (Associazione Nazionale Familiaristi Italiani). Alla produzione dello spettacolo hanno contribuito diverse realtà operanti all'interno del carcere di Pozzuoli, la scuola statale (CTP, Centro Territoriale Permanente) i cui insegnanti hanno portato le loro allieve ad indagare la loro idea di gioia attraverso i disegni. Nel laboratorio teatrale vero e proprio sono stati realizzati i testi nell'ambito di un percorso di scrittura creativa. La Fondazione Il meglio di te utilizzerà i disegni migliori per realizzare delle stampe su “shopper bag gioiose”.

2621

LEGGI ANCHE

OPERANO IN QUESTO CARCERE / C.C. di Pozzuoli,

Le informazioni circa progetti culturali, artistici, di istruzione e lavoro operati all'interno delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e dagli uffici stampa delle organizzazioni titolari dei progetti. Le immagini delle carceri italiane provengono dalla stampa nazionale e non sono state realizzate in proprio