logo

SERIAL KILLER E DETENZIONE PSICHIATRICA

Israele Keyes

Furti e rapine per finanziare gli omicidi e le violenze sulle donne

Israele Keyes, il serial killer di Anchorage

Di Team DETENZIONI

Pubblicato il: 13-03-2017


USA, Alaska

2012

Israel Keyes nasce a Richmond nello stato dello Utah il 7 gennaio del 1978. La famiglia di Israel è di fede mormone e istruisce il figlio nella propria abitazione. Israel non va a scuola con gli altri bambini della zona e con i suoi genitori si trasferisce spesso. Sicuramente ad Aladdin Road, a nord di Colville, Washington, a volte a Sunnyvale in California e, in seguito alla morte del padre, sulla east coast. Dal 1998 al 2001 Israel Keyes presta servizio nell'esercito degli Stati Uniti presso Fort Lewis, Fort Hood e in Egitto ottenendo diverse medaglie al valore militare. Israel torna a casa e trova impiego nel campo delle costruzioni. Dal 2007 lavora in Alaska dove è proprietario di una piccola ditta ad Anchorage, la Keyes Construction.

Nel 2012 Samantha Koenig, una barista che lavora in un locale di Anchorage, sparisce. Tempo dopo in un lago ghiacciato vengono trovate le parti di un corpo femminile. Si tratta di Samantha. Di quello che rimane in seguito allo stupro e allo smembramento.

Keyes viene fermato e arrestato con l'accusa di aver ucciso Samantha Koenig. Gli investigatori lo collegano ad altri 7 omicidi e pensano che Israel sia coinvolto con almeno 48 uccisioni. Lui decide di confessare e ammette di aver ucciso Bill e Lorena Currier abitanti a Essex in Vermont. Ha ucciso Samantha e altre 4 persone nello stato di Washington. Un altro omicidio lo ha compiuto nello stato di New York.

Israel Keyes è stato un bravo soldato e questa qualità lo aiuta nel pianificare i suoi omicidi. Israel è attento, non prende di mira una tipologia di persone e colpisce lontano da casa e mai nella stessa zona. Non usa carte di credito negli spostamenti e spegne il cellulare. Nell'omicidio in Vermont Keyes utilizza del materiale che aveva predisposto e nascosto due anni prima.

La ricostruzione dei suoi crimini da parte dell’FBI è piuttosto dettagliata. Israel Keyes sceglie le prime vittime nello stato di Washington sul finire del 1990. Confessa agli investigatori di aver ucciso quattro le persone. FBI e polizia dello Stato cercano i corpi ma Israel ha girato molti stati quindi le sue vittime possono essere disseminate in un vasto territorio. Sicuramente un omicidio lo ha compiuto a New York. Non si trova però l'identità e alcuna informazione su questa vittima. Keyes ne confessa l'omicidio ma non da altre informazioni per trovare il corpo. Le autorità considerano questa confessione credibile poiché Israel possedeva del terreno nella città di Constable. Inoltre l’FBI scopre che Keyes ha rapinato la filiale della community Bank a Tupper Lake nello stato di New York nell'aprile del 2009 dove, forse, ha ucciso una donna e ne ha sepolto il cadavere. Non ci sono stati feriti però Israele ha minacciato i presenti con una pistola. Poi si sposta in Texas dove svaligia una casa e appiccando il fuoco.

Anche la confessione rispetto alla morte di Bill e Lorena Courier di Essex nel Vermont convince le autorità che pensano di avere le prove sufficienti per collegare Israel con questi omicidi. I due coniugi sono stati visti per l'ultima volta nel giugno del 2011 dopo aver lasciato il lavoro. Israel afferma di essere entrato nella loro casa nella notte tra l’8 e il 9 giugno 2011. Bill Courier viene abbandonato in un casolare legato. La moglie, Lorena, viene prima stuprata e poi strangolata. I corpi non saranno ritrovati. Gli omicidi erano, probabilmente, ben preparati. I materiali Israel li aveva sepolti due anni prima vicino alla casa dei Courier. Ma questi attrezzi gli servono ancora e li nasconde a Parishville stato di New York dove li trovarono dopo il suo arresto.

Israel rapisce Samantha Koenig, di 18 anni, fuori dal suo posto di lavoro il primo febbraio 2012. Samantha lavora come barista ad Anchorage in Alaska. Israel ruba a Samantha la sua carta di credito e altre cose e la uccide il giorno seguente, dopo averne abusato sessualmente. Lascia il corpo in un capannone e parte per una crociera a New Orleans. Al suo ritorno avanza una richiesta di riscatto di 30.000 dollari, pubblicata sul Daily News di Anchorage. Il corpo di Samanta però è già smembrato e affondato nel lago Matanuska a nord di Anchorage. Alla fine delle indagini gli uomini dell'FBI sono convinti che Israel abbia svaligiato 20 o 30 case in tutti gli Stati Uniti e rapinato molte banche tra il 2001 e 2012 per finanziare i suoi omicidi. Forse ha ucciso 11 persone in diverse zone degli Stati Uniti ma in altre nazioni, nelle quali è stato, potrebbero esserci altre vittime come in Messico e Belize.

Dopo che Israel ha assassinato Samanta e ne ha chiesto il riscatto, che è stato pagato, la polizia è stata in grado di monitorare i prelievi che Israel ha operato spostandosi in tutto il sud ovest degli Stati Uniti. In seguito a questo monitoraggio Israel viene arrestato il 13 marzo 2012, al mattino, alla Texas Highway Patrol nel parcheggio del Cotton Patch Cafè a Lufkin, in Texas. A tradirlo è stata la carta di credito di Samantha che ha usato in quel luogo e aveva già utilizzato in New Mexico è in Arizona. In seguito all'arresto Israel Keyes viene estradato in Alaska dove confessa l'omicidio di Samantha. Il suo difensore è Rich Curtner e il processo è fissato per il marzo del 2013.

Durante la custodia, in attesa del processo, Israel si trova presso il Correctional di Anchorage con l'accusa di omicidio. Israel però non vuole sottoporsi al giudizio e decide di suicidarsi. Israel Keyes è morto il 2 dicembre del 2012. Si è tagliato i polsi e poi si è impiccato con un lenzuolo lasciando un memoriale scritto di 4 pagine. Israel Keynes non ha voluto aggiungere altri particolari di possibili omicidi o richieste di scusa.

LEGGI ANCHE