Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere
Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere
Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere

Terza Giornata Nazionale di Teatro in Carcere 2016 - Presentazione al Museo Criminologico di Roma

Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere

Di Marco Rabino

Pubblicato il: 23-03-2016

Museo Criminologico, via del Gonfalone 29 - ore 11,30
Roma, Lazio, Italia

2016 | 24 marzo

COMUNICATO

La Giornata Nazionale del Teatro in Carcere è giunta alla Terza edizione  e numerose sono le compagnie che vi hanno aderito. L’iniziativa, istituita nel 2014, si svolge il 27 marzo di ogni anno in concomitanza con la Giornata Mondiale del Teatro (World Theatre Day), indetta dall’Istituto Internazionale del Teatro presso la sede UNESCO di Parigi, quest’anno alla 54a edizione.

La presentazione è programmata per giovedì 24 marzo 2016 alle ore 11.30 presso il Museo Criminologico, via del Gonfalone 29 a Roma.

Il Cartellone degli spettacoli, messi in scena dalle Compagnie teatrali attive negli Istituti penitenziari, verrà presentato il 24 marzo 2016 presso la sede del Museo Criminologico di Roma, alle ore 11,30, in occasione del rinnovo del Protocollo d’intesa tra il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e il Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, documento già sottoscritto in data 18 settembre 2013, esteso il 23 luglio 2014 all’Università Roma Tre. 

A firmare il protocollo saranno Santi Consolo Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Vito Minoia Presidente del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, Paolo D’Angelo Direttore del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università di Roma Tre.

La presentazione della Terza Giornata Nazionale del Teatro in Carcere sarà anche l’occasione per un confronto tra le compagnie teatrali che operano nelle carceri italiane, per fare un bilancio dell’esperienza e delineare le linee d’azione future. Da un recente monitoraggio realizzato dalla Direzione Generale Detenuti e Trattamento del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, viene confermato che l’attività teatrale costituisce uno strumento utile per le persone in stato di detenzione, sia sotto il profilo culturale che di crescita personale. Dai dati rilevati risulta che i laboratori teatrali sono presenti in tutto il territorio nazionale con una percentuale che supera il 50% degli Istituti e con una durata nel tempo superiore a dieci anni per il 33% dei laboratori. Le attività teatrali registrano un’alta valutazione sotto il profilo trattamentale e una ricaduta positiva su l clima dell’istituto.

Ne parleranno:

Massimo De Pascalis, Vice Capo Vicario del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

Valeria Ottolenghi, critico teatrale (Associazione Nazionale dei Critici di Teatro)

Valentina Venturini, Università Roma Tre (Dipartimento di Filosofia, Comunicazione, Spettacolo)

Ivana Conte, autrice e formatrice (Associazione Nazionale Agita teatro)

Mimmo Sorrentino, regista (Teatro Incontro, compagnia operante nella Casa di Reclusione di Vigevano)

Livia Gionfrida, regista (Teatro Metropopolare, compagnia operante nella Casa Circondariale di Prato)

Anna Gesualdi, Giovanni Trono, registi (TeatrIngestAzione, compagnia che ha operato negli ultimi dieci anni nell’ex OPG di Aversa)

Tiziana Sensi, attrice e regista (Associazione Tearca di Roma) leggerà alcuni brani del romanzo “Gli occhi di Eleonora”, opera prima di Vincenzo Lerario (dalla Casa Circondariale di Pesaro).

Michalis Traitsis, regista e pedagogo teatrale (Balamòs Teatro, compagnia operante alla Casa di Reclusione Femminile di Giudecca, Venezia) presenterà il video di Marco Valentini dal progetto teatrale "Passi Sospesi" di Balamòs Teatro negli Istituti Penitenziari di Venezia.

Ingresso libero, è gradita la segnalazione della propria presenza inviando una mail a: stampa.dap@giustizia.it

Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere: www.teatrocarcere.it

LEGGI ANCHE