logo

IL RUGBY OLTRE LE SBARRE

A cura di
ANTONIO FALDA

Antonio Falda

Pubblicato il: 09-04-2016

Disegno di Marco Rabino Invisibile
Antonio Falda

Invisibile = Così come si può sentire un disabile in carrozzella che per quanto provi e riprovi, non riesce a trovare un punto di risalita in un marciapiede. E resta in attesa...

Sponsorizzata Prodotti Gianduja

Grazie a Prodotti Gianduja per il suo sostegno a DETENZIONI

LA STORIA DELLE CARCERI DI TORINO

A cura di
ANGELO TOPPINO

Angelo Toppino

Pubblicato il: 18-03-2017

Archivio Storico del Comune di Torino Il Correzionale di Torino in epoca francese. Un carcere umido e malsano in pieno centro

Nel 1802, in seguito alla dominazione napoleonica di Torino, i francesi che comandavano la città decisero di installare un carcere nell'edificio che ora ospita l'archivio storico di Torino in via Barbaroux 32. Erano spazi più luminosi di quelli delle Carceri senatorie ma gli ambienti erano umidi e malsani e spesso si sviluppavano molte malattie. Si interessò a questo carcere anche la marchesa Giulia Falletti di Barolo. Famose erano le contese tra detenuti uomini e detenute donne che potevano incontrarsi in momenti prestabiliti.

RECENSIONI

Casa Circondariale di Modena Sant'Anna

Carcere di Modena Sant'Anna, Casa Circondariale

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 01-04-2017

Via S. Anna, 370 CAP 41100 Modena, Emilia-Romagna, Italia

1991

I progetti che mettono in comunicazione la realtà del carcere con la libertà libera sono spesso organizzati con le scuole della città. Gli studenti realizzano laboratori di teatro, di scrittura creativa e portano la cultura all'interno di un carcere. I detenuti spesso sono entusiasti di questa attività che mette permette loro di confrontarsi e vivere esperienze aggregative e formative impossibili da realizzare tra le mura di una prigione.

6020

Casa Circondariale di Ravenna

Carcere di Ravenna, Casa Circondariale di via Port’Aurea

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 01-04-2017

Via Port’Aurea, 57 CAP 48100 Ravenna, Emilia Romagna, Italia

1900 | primi del

La lettura e le biblioteche sono da incentivare all'interno di un carcere. Sicuramente non è facile gestire il prestito d'uso all'interno di una struttura critica come questa però ci sono molte attività che possono essere svolte dalle associazioni di volontariato. In alcune carceri più grandi come quelle delle grandi città le biblioteche sono gestite direttamente dal sistema comunale e quindi possono essere portate avanti da un operatore specializzato con l'aiuto di alcuni volontari detenuti.

6022

Casa Circondariale di Reggio Emilia

Carcere di Reggio Emilia, Casa Circondariale via Settembrini

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 01-04-2017

Via Settembrini, 8 CAP 42100 Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia

1994

Progetti di scrittura creativa ce ne sono molti ma non abbastanza. Autori e associazioni di volontariato si occupano di far scrivere i detenuti per aiutare ad elaborare in modo creativo la propria esperienza detentiva e, perché no anche la pregressa esperienza che li ha portati all'interno di un carcere. Questo tipo di attività su di sé aiuta a rielaborare il proprio percorso e a instaurare una giusta prospettiva nell'ottica della giustizia riparativa.

6023

Casa Circondariale di Rimini

Carcere di Rimini Casetti, Casa Circondariale

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 01-04-2017

Via S. Cristina, 19 CAP 47037 Rimini, Emilia Romagna, Italia

1970

Poter cucinare all'interno di una cella è una grande risorsa per non perdere il contatto con la realtà che si è lasciata oltre le mura della prigione. Purtroppo non ci sono molte risorse e l'unica possibilità è quella di utilizzare il fornelletto da campeggio, che il regolamento permette di tenere, per cucinare quel poco che può ancora ricordare la tavola di una vita libera in casa propria

6024

Casa Circondariale di Piacenza Novate

Carcere di Piacenza, Casa Circondariale le Novate

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 31-03-2017

Strada delle Novate, 65 CAP 29100 Piacenza, Emilia Romagna, Italia

1992

Creare significa rimanere vitali. Questo lo permettono, all'interno di un carcere, i laboratori artistici e artigianali organizzati da maestri e da associazioni. Alcune volte si riesce anche a creare delle mostre e degli eventi nei quali i cittadini e esitato ri possono lasciare un contributo che va a sostenere proprio queste attività che, spesso, portano un grande vantaggio a coloro che sono in detenzione ea coloro che devono vegliare sulla salute psicofisica del detenuto.

6021

Casa Circondariale di La Spezia Villa Andreino

Carcere di La Spezia Villa Andreino, Casa Circondariale di via Fontevivo

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 29-03-2017

Via Fontevivo, 43 CAP 19125 La Spezia, Liguria, Italia

1930

Per elaborare la propria esperienza detentiva un una persona ricorre spesso alla scrittura di poesie. I laboratori di scrittura creativa e i premi che valorizzano le opere prodotte in carcere sono un riconoscimento ed un incentivo verso l'utilizzo di queste forme espressive. A volte la creatività esce dai confini del carcere e diventa spettacolo per tutti.

6012

Casa Circondariale di Savona

Carcere di Savona, Casa Circondariale di Sant'Agostino

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 29-03-2017

Piazza Monticello, 4 CAP 17100 Savona, Liguria, Italia

1800 | chiusura 1 giugno 2016

La Casa Circondariale di Savona è stata chiusa nel 2016, il primo giugno. Lo aveva stabilito un decreto ministeriale il 28 dicembre del 2015. Era sicuramente un carcere inadeguato è sovraffollato oltre i 49 posti di massima capienza che poteva contenere. La chiusura di un carcere soprattutto se non viene sostituito da una struttura nuova e nelle sue vicinanze crea una serie di polemiche rispetto alla condizione di lavoro degli agenti di polizia penitenziaria e della popolazione detenuta che, se residente nel territorio, si trova ad essere trasferita in altre carceri molto distanti, anche centinaia di chilometri.

6014

Casa Circondariale di Genova Pontedecimo

Carcere di Genova Pontedecimo, Casa Circondariale

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 29-03-2017

Via Coni Zugna, 33 CAP 16164 Genova, Liguria, Italia

1990

Il teatro è una forma di espressione che si presta ad essere utilizzata nei percorsi di recupero e di restituzione che si possono attivare all'interno di un carcere. La grande diffusione che la pratica teatrale ha nelle carceri italiane ha portato alla formazione di molte compagnie teatrali che operano dietro le sbarre. Per dare una struttura organica a queste realtà è nato il Coordinamento nazionale teatro carcere che ogni anno, a marzo, promuove la Giornata nazionale teatro in carcere.

6015

Casa Circondariale di Vicenza

Carcere di Vicenza, Casa Circondariale e Casa di Reclusione

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 28-03-2017

Via della Scola, 150 CAP 36100 Vicenza, Veneto, Italia

1980

Le aree verdi all'interno delle carceri sono molte. Stanno nascendo progetti di orti, frutticultura e giardinaggio che sfruttano al meglio questi spazi che altrimenti sarebbero lasciati all'abbandono e al degrado. Prendersi cura degli spazi di una struttura penitenziaria sembra una contraddizione alla necessità di libertà della persona. Eppure in un percorso di trattamento della pena umano e rispettoso del diritto di lavoro e attività creativa utilizzare tutti gli spazi che esistono all'interno di un carcere, per creare attività di lavoro e di impegno quotidiano, è una delle operazioni migliori per una detenzione più rispettosa delle persone.

6006

Istituto Penale Minorile di Treviso

Carcere minorile di Treviso, Istituto di Pena Minorile Santa Bona

Di: DETENZIONI redazione

Pubblicato il: 27-03-2017

Via Santa Bona, 5d – 31100 Treviso Treviso, Veneto, Italia

1981

Sono molte le associazioni di volontariato e le cooperative che operano all'interno di strutture penitenziarie minorili. Affiancano la scuola statale, che opera attraverso istituti territoriali con sedi distaccate, associazioni sportive e altri enti di formazione. Di grande importanza sono i progetti che portano operatori e professionisti ad incontrare i giovani ospiti per non lasciarli abbandonati e isolati nei loro percorsi di restituzione all'interno della struttura.

6009